Scopri come funziona l'RC Auto e richiedi un preventivo online
* Profilo utilizzato: Maschio 45 anni residente Bolzano Fiat Punto

R.C.A. – Responsabilità Civile Auto

Scopri cosa pensa la community:
Leggi le opinioni
Ti siamo stati utili?
Raccomandaci su Google

RCA – acronimo

Se ti è già capitato di sentir parlare di assicurazione RCA ma non hai ancora capito esattamente di che cosa si tratta, iniziamo con il dirti che RCA è acronimo di “Responsabilità Civile Autoveicoli”. L’acronimo RCA viene inoltre spesso utilizzato anche con l’abbreviazione di Responsabilità Civile Auto o con quella di RC Auto.

Nello specifico, l’acronimo RCA viene impiegato per riferirsi all’assicurazione auto obbligatoria. In questa guida ti proponiamo tutta una serie di informazioni utili in materia di RC Auto. Potrai ad esempio scoprire come funziona l’RCA oppure come richiedere un preventivo RC Auto e infine come risparmiare sull’assicurazione auto.

 

 

 

 

Che cos'è l'assicurazione RCA?

Chiarito il significato dell’acronimo RCA, vediamo di capire che cos’è l’RCA, ovvero che cosa si intenda per Responsabilità Civile Autoveicoli. Innanzitutto, devi sapere che la nozione di RC Auto compare per la prima volta nell’art. 1 del testo di Legge n. 990 del 24 Dicembre 1969.

Qui si legge che i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi non possono essere posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti secondo le disposizioni della presente Legge, ovvero dall’assicurazione per la responsabilità civili verso terzi prevista dall’art. 2054 del C.C.

L’assicurazione per Responsabilità Civile Autoveicoli è entrata in vigore il 12 Giugno 1971 e da allora rappresenta la polizza assicurativa obbligatoria per tutte le vetture a motore che circolano sul territorio italiano. Se per i veicoli a quattro ruote si parla di RC Auto, per quelli a due ruote si utilizza il termine RC Moto.

Contratto base RCA

La polizza auto obbligatoria coincide con il cosiddetto contratto base RCA che garantisce una copertura assicurativa in caso di danni a persone e cose. L’RCA base può essere sottoscritta presso tutte le compagnie del settore e i costi del contratto base RCA sono spesso inferiori rispetto a quelli delle polizze con garanzie accessorie che prevedono invece servizi di copertura extra.

Torna su

 

Assicurazione RCA: come funziona

Sottoscrivere l’assicurazione RC Auto è, oltre che obbligatorio, molto utile poiché in caso di sinistro stradale, garantisce il risarcimento di eventuali danni provocati a terzi durante la circolazione della vettura su strada. Il contratto RCA permette quindi all’assicurato di tutelarsi dai possibili rischi mentre è alla guida.

Se ti stai chiedendo come funziona l’RC Auto, è presto detto. Una volta sottoscritta la polizza RCA più adatta alle tue esigenze, la compagnia assicurativa – dietro pagamento di un premio – provvede al risarcimento dei danni materiali o lesioni a terzi in seguito a incidente stradale. Ai fini dell’indennizzo, è importante sottolineare che in caso di incidente stradale è fondamentale denunciare l’episodio alla propria compagnia assicurativa entro 3 giorni dall’accaduto.

Una volta firmate le pratiche della polizza auto, il contratto RCA stipulato avrà validità di un anno. Grazie alle novità legislative introdotte dal Decreto Sviluppo Bis volto a favorire la concorrenza nel mercato delle assicurazioni auto, dal 1° Gennaio 2013 è entrata in vigore l’abolizione del tacito rinnovo.

A scadenza naturale del contratto RC Auto, l’intestatario dell’assicurazione auto ha quindi il diritto di cambiare compagnia assicurativa RCA qualora lo ritenesse opportuno, ad esempio per risparmiare sul premio RC Auto.

Torna su

 

Legge Bersani e assicurazione auto

Se hai intenzione di sottoscrivere una polizza auto, un’altra cosa da sapere sul funzionamento dell’RCA è che dal 2007 la Legge Bersani permette di assicurare una vettura, sia essa nuova o usata, e di ereditare la stessa classe di merito di un’altra vettura già assicurata, a patto che quest’ultima sia di proprietà del guidatore stesso o di un componente del nucleo familiare.

Per saperne di più su questa disposizione, ti consigliamo di dare u’occhiata alla guida su Legge Bersani e assicurazione auto redatta dai nostri esperti. In generale, tieni presente che l’assicurazione auto con Legge Bersani conviene quando la classe di merito ereditata è migliore di quella attualmente posseduta dal convivente.

Detto altrimenti, se la classe di merito del convivente è ad esempio una CU 12 mentre la classe di merito ereditabile è una CU 1, sarà più vantaggioso richiedere l’applicazione della Legge sull’RC Auto.

Torna su

 

Preventivo RCA: come risparmiare sull'assicurazione auto?

A proposito di risparmio sul premio assicurativo, se la tua polizza auto è prossima alla scadenza e sei alla ricerca di un’offerta RCA conveniente, una buona soluzione è quella di richiedere un preventivo RCA online, ad esempio tramite un portale di comparazione come quello di SuperMoney che ti permette di mettere a confronto in pochi click le numerose assicurazioni auto offerte dalle migliori compagnie assicurative.

Richiedere il preventivo RC Auto è molto semplice. Per visualizzare l’elenco delle polizze auto più vantaggiose non devi fare altro che compilare l’apposito form online nella sezione Assicurazioni Auto del nostro comparatore e compilarlo inserendo i dati dell’intestatario dell’auto e i dati del veicolo che desideri assicurare.

Ti verrà inoltre richiesto di inserire numero di cellulare e indirizzo e-mail così da poter essere ricontattato da un’operatore qualificato qualora fossi interessato a ricevere maggiori informazioni sul preventivo RC Auto o se desideri sottoscrivere l’RCA online.

Perché è importante mettere a confronto più preventivi RCA?

La polizza RC Auto prevede il pagamento di un premio annuale che può avere un prezzo anche piuttosto elevato. Il costo dell’assicurazione auto può inoltre oscillare da una compagnia all’altra anche in modo considerevole.

I prezzi delle polizze RCA variano infatti in base a numerosi fattori come ad esempio l’età e la condotta di guida del conducente, la tipologia e la potenza del veicolo, gli anni di conseguimento della patente o il Comune di residenza.

A questo si aggiunge il fatto che i contratti RCA permettono una forte personalizzazione che comporta una consistente variazione in termini di costi. Prima di procedere al confronto polizze RCA, è quindi importante che tu capisca quale sia l’assicurazione auto più in linea con il tuo profilo di guida.

Ti consigliamo ad esempio di prendere in considerazione la frequenza di utilizzo dell’auto (lavoro, tempo libero o entrambi), i chilometri annui percorsi o il numero di guidatori del veicolo.

Fai attenzione ai servizi aggiuntivi

Prima di sottoscrivere il contratto base RCA, ricordati sempre di verificare tutte le voci di spesa, soprattutto quelle legate agli eventuali servizi aggiuntivi come ad esempio le coperture aggiuntive non obbligatorie (Furto e Incendio, polizza Cristalli, ecc.).

Stiamo parlando delle cosiddette garanzie accessorie che potrai sottoscrivere in aggiunta all’RCA base per avere una copertura assicurativa su un numero più elevato di eventi.

Effettuare la comparazione online dei preventivi RCA ti consentirà quindi di avere le idee più chiare non solo sulle migliori polizze RC Auto disponibili sul mercato assicurativo ma anche sulle assicurazioni auto facoltative.

Conviene fare l’assicurazione auto online?

Un altro trucco per risparmiare sul contratto base RCA potrebbe inoltre essere quello di richiedere un’assicurazione auto online. Rispetto alle classiche polizze RCA sottoscrivibili presso le sedi “fisiche” delle compagnie assicurative, l’RC Auto online può essere attivata comodamente via web.

Queste soluzioni assicurative permettono di inviare i documenti per l’attivazione della polizza via e-mail e di siglare il contratto RCA con firma digitale. Proprio perchè le compagnie assicurative online devono sostenere costi inferiori per la gestione delle filiali, questi istituti permettono di offrire assicurazioni RCA più economiche.

Polizza auto 12 mesi o assicurazione auto temporanea?

Sapere con quale frequenza utilizzi l’auto ti aiuterà a capire se nel tuo caso sia più conveniente ad esempio un’RCA annuale o semestrale o più in generale una polizza auto 12 mesi oppure una polizza auto temporanea.

In generale, se sei solito utilizzare l’automobile quotidianamente ti consigliamo di optare per un’assicurazione auto annuale. Viceversa, l’RCA temporanea o l’assicurazione auto a Km convengono se usi la tua vettura solo durante alcuni periodi dell’anno, ad esempio durante le vacanze estive.

Torna su

 

Costi RCA: come calcolare il premio assicurativo?

Come dicevamo, i prezzi RCA variano sensibilmente da compagnia a compagnia e l’importo del premio assicurativo viene calcolato dall’assicuratore in base a diversi fattori relativi ai dati della vettura, ai dati anagrafici del contraente della polizza e alla storia assicurativa.

Dati del veicolo che influenzano l’RCA:

  • Data di immatricolazione
  • Alimentazione della vettura (motori diesel, benzina, metano, elettrico)
  • Anno di acquisto
  • Modello della vettura
  • Allestimento della vettura (cilindrata, alimentazione, KW/cavalli, optional di serie)
  • Km percorsi e tipo di utilizzo
  • Antifurto e ricovero notturno

Per quanto riguarda i dati relativi al veicolo, in generale devi sapere che una vettura nuova viene tariffata meno rispetto a una vettura più vecchia. Questo perchè si suppone che un’automobile nuova sia più sicura e quindi meno soggetta al rischio di incidenti stradali.

Inoltre un’auto utilizzata frequentemente, ad esempio per andare tutti i giorni a lavoro, avrà un premio RCA maggiore rispetto a quello di un veicolo usato solo nel tempo libero. Ricordati poi che anche il tipo di antifurto così come il ricovero notturno (parcheggio privato, box o strada) incidono sul costo dell’eventuale polizza Furto e Incendio.

Dati del proprietario dell’auto che influenzano l’RC Auto:

  • Persona fisica, giuridica o società relativa al proprietario del veicolo
  • Residenza (Provincia, Comune e CAP)
  • Data di nascita e anno patente

Questi sono i dati del proprietario, conducente e contraente della polizza che influenzano il costo finale dell’RCA. È inoltre importante sottolineare che l’anzianità anagrafica così come quella della patente influiscono sul premio RC Auto, soprattutto per i neopatentati.

Situazione assicurativa e premio RCA

  • Data di decorrenza del contratto RC Auto
  • Classe CU
  • Primo anno sull’attestato di rischio
  • Numero di sinistri stradali e tipologia
  • Numero di automobili possedute dal nucleo familiare

In particolare le classi CU di provenienza e assegnazione sono gli elementi che determinano per definizione l’applicazione del premio attraverso il meccanismo bonus/malus. Questa procedura attribuisce ai guidatori virtuosi un premio assicurativo più basso mentre assegna ai guidatori più “rischiosi” – ad esempio con sinistri stradali o infrazioni alle spalle – un premio RCA più alto.

Anno dopo anno, la classe di merito dell’assicurato sarà soggetta a variazioni a seconda della condotta di guida. Tieni poi presente che la presenza di più di una vettura a famiglia è un altro elemento positivo per la determinazione del costo della polizza RCA.

Torna su

 

Attivazione polizza RC Auto, come procedere?

Se sei intenzionato ad attivare una nuova polizza RCA alla naturale scadenza di quella precedente, grazie alla recente abolizione del tacito rinnovo, il procedimento per l’attivazione polizza RC Auto da seguire è diventato ancora più semplice e veloce. Ecco nel dettaglio che cosa bisogna fare per attivare una nuova RCA.

Attendere l’attestato di rischio

Tutte le compagnie assicurative sono obbligate per legge a recapitare l’attestato di rischio all’assicurato con almeno 30 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della polizza. L’attestato di rischio elettronico (cartaceo fino a giugno 2015) è infatti il documento che certifica la classe CU (Bonus Malus) maturata con il vecchio contratto RCA.

Grazie alla classe di provenienza e alla classe di assegnazione stabilita dal precedente assicuratore, la nuova compagnia sarà in grado di calcolare correttamente il nuovo premio assicurativo.

Stipulare il nuovo contratto RCA

Una volta che avrai individuato l’assicurazione auto più adatta alle tue esigenze, non ti resta che richiedere l’attivazione dell’RCA. In caso di polizza RC Auto tradizionale, dovrai recarti presso l’agenzia di riferimento mentre per le assicurazione RCA online sarà sufficiente inviare la richiesta RC Auto via web dal sito della compagnia e completare l’attivazione inviando tutta la documentazione necessaria via mail o via fax.

Torna su

 

Assicurazione RC Auto: cosa copre e massimali RCA

Fatta chiarezza sul funzionamento della polizza RCA, occupiamoci ora di capire che cosa copre l’RCA. A tal proposito ricordati che l’assicurazione RCA copre i danni ai passeggeri delle vetture coinvolte nell’incidente stradale. Inoltre, è importante sottolineare che:

  • il risarcimento diretto nei sinistri stradali si applica se vi sono danni al veicolo e lesioni;
  • l'assicurazione obbligatoria RCA copre i danni subiti dai terzi trasportati.

L’entità del risarcimento danni, ovvero della copertura assicurativa RC Auto, dipende dai cosiddetti massimali RCA fissati al momento della stipula del contratto. Nello specifico, il Decreto Legislativo n. 198 del 6 Novembre 207 stabilisce che:

  • il massimale RCA minimo è di 1.220.000 euro in caso di sinistro stradale con danni alle cose;
  • il massimale RCA minimo è di 6.070.000 euro in caso di sinistro con danni alle persone.

Torna su

 

Contratto RCA: cosa non copre

Ricordati invece che l’assicurazione RCA non copre i danni subiti dal conducente responsabile. Inoltre, in caso di sinistro stradale la copertura RC Auto non è valida se:

  • il guidatore non è abilitato alla guida;
  • in caso di scuola guida, l’allievo non ha al suo fianco una persona abilitata a svolgere la funzione di istruttore;
  • il conducente è in stato di ebrezza o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti e/o psicotrope;
  • per i danni ai terzi trasportati, il trasporto non è conforme alle disposizioni del Codice della Strada o alla Carta di Circolazione;
  • il veicolo con targa di prova circola senza osservare le disposizioni vigenti.

Inoltre, ti ricordiamo che il contratto base RCA non copre ad esempio i danni a persone e cose causati da eventi naturali, atti vandalici così come l’eventuale furto o incendio della vettura. Per poter usufruire di una copertura assicurativa di questo tipo dovrai sottoscrivere una delle cosiddette garanzie accessorie.

Torna su

 

Controllo RCA: come verificare la copertura RC Auto

Se hai sottoscritto l’assicurazione auto obbligatoria per il tuo veicolo e vuoi essere sicuro che la tua polizza RCA sia in regola, un’ottimo strumento per verificare l’RCA online è quello offerto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Il controllo RCA è disponibile sul Portale dell’Automobilista alla voce Verifica Copertura Assicurativa RCA. Qui puoi infatti consultare tutti i numeri di targa delle vetture immatricolate in Italia non in regola con gli obblighi assicurativi. Per effettuare la verifica RCA dovrai semplicemente inserire il tipo di veicolo che hai assicurato e il numero di targa della tua vettura, sia essa un’automobile o una moto.

Torna su

 

Come cambiare polizza RCA?

Come dicevamo, l’abolizione del tacito rinnovo ha portato a una semplificazione della procedura da seguire per cambiare assicurazione auto. Con tale provvedimento le compagnie assicurative non possono più rinnovare in automatico il contratto RCA a scadenza naturale del contratto.

Se ti stai chiedendo come cambiare polizza RCA, la risposta è molto semplice. A scadenza naturale del tuo contratto RC Auto, dovrai solamente preoccuparti di sottoscrivere una nuova polizza. In seguito all’abolizione del tacito rinnovo, infatti, non devi più dare disdetta alla tua compagnia attuale.

Inoltre non devi più inviare l’attestato di rischio cartaceo alla nuova compagnia. Dal 1° Luglio 2015, infatti, l’attestato di rischio è in formato elettronico e le compagnie assicurative ricevono tutti i dati legati alla tua storia assicurativa direttamente dalla banca dati gestita dall’ANIA e controllata dall’IVASS.

Recesso anticipato RCA

Qualora avessi la necessità di effettuare il recesso anticipato RCA, ovvero di richiedere la disdetta della polizza auto prima della naturale scadenza del contratto (dopo 12 mesi), è necessario inviare una comunicazione scritta tramite raccomandata alla compagnia assicurativa.

Ricordati di inserire nell’oggetto della lettera il motivo della tua richiesta (“recesso anticipato RC Auto) e che così facendo solleverai l’assicuratore da qualsiasi obbligo di rimborso sulle somme già versate del premio RCA.

Prima di recedere dalla polizza RC Auto, ti consigliamo inoltre di verificare se il tuo contratto RCA prevede o meno delle clausole specifiche in merito al recesso anticipato. Se così fosse è possibile che tu ti debba far carico di alcuni costi di disattivazione per recesso anticipato.

Torna su

 

Domande frequenti su Assicurazione RCA

Risarcimento diretto: quando si applica?

Il risarcimento diretto nei sinistri stradali si applica se vi sono danni al veicolo e lesioni.

Indennizzo diretto: quando non si applica?

La procedura di risarcimento diretto non è applicabile se vi sono più di due veicoli coinvolti.

L'assicurazione obbligatoria RCA copre i danni subiti dai terzi trasportati?

Sì, a patto che i passeggeri terzi siano trasportati nel rispetto del Codice della Strada o della Carta di Circolazione.

Variazioni massimali RCA: da che cosa dipendono?

La cifra minima dei massimali della polizza di assicurazione RCA viene stabilita per legge e i massimali RCA possono essere aumentati, a scelta del cliente, pagando una maggiore somma di denaro (premio assicurativo).

Che cosa rischi se ti fermano senza assicurazione auto?

In caso di guida senza assicurazione, l’art. 193 del Codice della Strada prevede il pagamento di una sanzione amministrativa variabile da 841 euro a 3.366 euro, oltre al sequestro del veicolo.

Variazione annuale Bonus Malus: da che cosa dipende?

Nell’assicurazione per la responsabilità civile auto (R.C.A.), il contratto con la formula “bonus malus” comporta una variazione annuale del premio di assicurazione, in base al numero di incidenti causati.

Torna su

 

Altri approfondimenti su Assicurazione RCA

Aggiornamento massimali minimi assicurazione auto per il 2017

Come funziona l’assicurazione di un autocaravan?

È possibile assicurare auto e moto insieme?

Come funziona l’assicurazione auto all’estero?

Assicurazione auto demolita: come comportarsi in caso di rottamazione?

Chi paga in caso di tamponamento a catena?

Come comportarsi se l’assicurazione non vuole risarcire i danni dopo un sinistro?

Assicurazione auto scaduta: cosa comporta?

Torna su

Leggi tutti i commenti