Preventivo assicurazione auto da 181€(1): calcola la rata


Inserisci i dati

Scopri il risparmio

/
/
Oppure contattaci al seguente numero:
02 365 718 53
Lun-Ven  9-13 / 14-18

Tutte le informazioni sul Preventivo per l'Assicurazione dell'Auto

Richiedere uno o più preventivi di assicurazione auto prima della sottoscrizione del contratto consente di scegliere delle polizze auto convenienti tra le numerose proposte dal mercato assicurativo. Stipulare l'assicurazione auto, o più correttamente l'Assicurazione Responsabilità Civile Autoveicoli, non solo è obbligatorio per legge, ma consente di tutelarsi da tutti quei rischi legati alla circolazione di un veicolo su strada.

Attraverso il nostro portale di comparazione è possibile richiedere gratuitamente un preventivo per l'assicurazione auto e individuare in pochi click la polizza più vantaggiosa del mercato. Una volta inserite nell'apposito form tutte le informazioni necessarie relative all'intestatario della polizza e alle caratteristiche del veicolo, sarà possibile individuare in pochi minuti la migliore assicurazione auto tra le oltre 20 compagnie confrontate da SuperMoney.


Indice


Quali dati occorrono per calcolare il preventivo assicurazione auto?

Per richiedere un preventivo per l'assicurazione auto è necessario fornire alcune informazioni in merito all'auto che si intende assicurare, al proprietario e al conducente del veicolo, e alla situazione assicurativa del contraente della polizza.


Dati del veicolo

  • Data di immatricolazione.
  • Tipo di alimentazione.
  • Modello e allestimento (ad esempio: cilindrata e optional si serie).
  • Km percorsi e tipologia d'impiego (ad esempio: lavorativa o personale).
  • Presenza di un allarme antifurto.
  • Ricovero notturno (ad esempio strada o box privato).

Proprietario e conducente del veicolo, e contraente della polizza:

  • Persona fisica o giuridica.
  • Provincia, Comune di Residenza e CAP.
  • La data di conseguimento della patente.

Situazione assicurativa del contraente:

  • La data di decorrenza della polizza.
  • Le classi CU di provenienza e di assegnazione.
  • Numero dei sinistri pregressi e la loro tipologia.
  • Presenza di altre auto nel nucleo familiare.

Quali documenti servono per richiedere il preventivo di una polizza rca?

Per richiedere un preventivo assicurativo è necessario fornire alcune specifiche informazioni racchiuse nell'attestato di rischio, nel libretto del veicolo e nella carta d'identità dell'intestatario della polizza.

Nell'attestato di rischio è riassunta la storia dell'automobilista nel corso degli ultimi cinque anni, ovvero: numero di sinistri causati o subiti, e classificati in base ai danni riportati da cose e persone; la classe di merito di provenienza, di assegnazione e di conversione universale; i dati del proprietario del veicolo, della compagnia assicurativa e quelli relativi alla formula contrattuale. Ricordiamo che dal 1° luglio 2015 l'attestato di rischio è solo digitale.

Nel libretto del veicolo sono indicate tutte le principali informazioni dell'auto: targa, modello, potenza e tutti gli altri dati tecnici, compresi l'anno di immatricolazione e di acquisto, e la tipologia di veicolo (se nuovo o usato).

Preventivo assicurazione auto: quali elementi confrontare?

Il prezzo del premio annuale non è l'unico fattore da considerare. A parità di prezzo, prima della sottoscrizione del contratto sarà necessario verificare i massimali e la franchigia.

Il massimale di una polizza rc auto indica il rimborso che la compagnia assicurativa garantisce in caso di sinistro stradale. Questo valore viene aggiornato ogni cinque anni e prevede un importo minimo comune a tutte le compagnie.

La franchigia rappresenta la quota a carico dell'intestatario della polizza in caso di liquidazione del sinistro, ovvero un limite della copertura assicurativa, a fronte di un premio più basso.

Come cambiare compagnia assicurativa?

L'abolizione del tacito rinnovo ha reso molto più semplice il passaggio ad una nuova compagnia assicurativa. Una volta trascorsi 12 mesi dalla data di attivazione della polizza rca, non sarà più necessario inviare una comunicazione di disdetta alla vecchia compagnia o rispettare un termine di preavviso. Scelta la nuova compagnia si potrà sottoscrivere il contratto senza presentare l'attestato di rischio, ormai disponibile in formato digitale e consultabile da tutte le compagnie assicurative tramite accesso ad una banca dati gestita dall'ANIA e controllata dall'IVASS.

Si può personalizzare la copertura assicurativa?

Per personalizzare la polizza auto e ampliare la copertura è possibile sottoscrivere delle polizze accessorie, meglio definite come garanzie accessorie. A fronte di un aumento sul premio assicurativo è possibile attivare delle specifiche coperture che garantiscono un rimborso in caso di eventi specifici, come: furto e incendio, eventi naturali ed atmosferici, tutela legale, infortunio del conducente o assistenza stradale, fino alla copertura totale garantita dalla polizza kasko.

Quali sono le garanzie accessorie?

La scelta delle garanzie accessorie si basa sulla valutazione di vari aspetti: l'esperienza e la frequenza di guida, la città e il quartiere di residenza, il valore commerciale del veicolo, o ancora il luogo a disposizione per il ricovero notturno. Sulla base di questi fattori si potrà decidere quali garanzie attivare:

  • Assicurazione Furto e Incendio: queste garanzie sono spesso proposte in abbinamento e sono consigliabili se si è soliti lasciare l'auto in strada nelle ore notturne.
  • Polizza Atti Vandalici: copre i danni provocati volontariamente da terzi e riconducibili ad atti di vandalismo, sommosse, cortei violenti.
  • Tutela Legale: copre i costi di perizia, di consulenza legale e l'eventuale risarcimento disposto in sede giudiziaria. Ideale per chi usa molto l'auto ed è quindi più esposto al rischio di incidente.
  • Polizza Eventi Naturali: copre i danni riportati dal veicolo per cause naturali, come terremoti, alluvioni o grandine. Ideale per chi vive in zone sismiche ed esposte al pericolo di alluvioni.
  • Polizza Cristalli: coprele spese per la sostituzione, o riparazione, dei vetri danneggiati per eventi naturali o per colpa di terzi.
  • Infortuni Conducente: coprei danni fisici riportati dall'automobilista in seguito ad un incidente, a prescindere dalla responsabilità.
  • Assistenza Stradale: prevede l'intervento di un carro attrezzi per il trasferimento all'officina meccanica più vicina del veicolo in panne.
  • Polizza Kasko: garantisce una copertura completa, coprendo tutti i danni derivanti dalla circolazione del veicolo a prescindere dalla responsabilità dell'automobilista. È ideale per i veicoli di elevato valore economico e per coloro che utilizzano molto la propria vettura. La polizza è disponibile anche nella versione Mini Kasko, per i danni causati da incidenti, dimostrabili, con altri veicoli.

Come risparmiare sulla polizza auto con la Legge Bersani?

Con la legge Bersani è possibile ereditare la classe di merito di una persona convivente e che rientra nello stesso stato di famiglia, senza partire dalla 14°che rappresenta la più costosa. Per godere di questo privilegio basta presentare al momento della sottoscrizione del nuovo contratto assicurativo lo Stato di famiglia - rilasciato da Comune di residenza - e l'attestato di rischio della persona da cui si vuole ereditare la classe di merito.

Quali sono gli altri vantaggi della legge Bersani?

Oltre ad ereditare la classe di merito di un familiare convivente, con l'approvazione della Legge Bersani sono stati introdotti altri importanti vantaggi, come:

  • l'abolizione del tacito rinnovo: che impedisce il rinnovo automatico dei contratti assicurativi, dopo la loro naturale scadenza;
  • la possibilità di rinnovare la compagnia assicurativa ogni 12 mesi, senza il rischio di penali o costi extra;
  • la variazione della classe di merito in seguito ad un sinistro deve essere comunicata in anticipo dalla compagnia assicurativa;
  • la possibilità di mantenere la classe di merito quando si cambia compagnia assicurativa. Lo stesso principio è applicato in caso di acquisto di una nuova vettura o di rottamazione.

Risparmiare sull'assicurazione auto con la scatola nera

Installare la scatola nera sulla propria vettura prevede l'applicazione di sconti obbligatori sulle polizze auto di tutte le compagnie assicurative. Il provvedimento è stato introdotto dall'ultimo Ddl Concorrenza e prevede l'indicazione dello sconto praticato - sia in valore percentuale che assoluto - nei preventivi e nei contratti assicurativi. Lo sconto sarà maggiore per gli automobilisti residenti nelle provincie con più elevati livello di rischiosità e per gli automobilisti che non hanno provocato sinistri negli ultimi 4 anni.

Perché conviene scegliere un'assicurazione online?

Oltre alla possibilità di sottoscrivere e gestire il contratto online e in totale autonomia, le assicurazioni auto online garantiscono anche un significativo risparmio rispetto alle formule assicurative tradizionali. I minori costi di stipula, l'assenza di spese di commissioni e di gestione, permettono alle compagnie online di proporre dei preventivi più contenuti. Il rispetto di elevati standard di sicurezza e la certezza di un servizio di assistenza continuo rappresentano due ulteriori incentivi per la scelta di questa formula assicurative.

Come funziona l'assicurazione a km e quella temporanea?

L' assicurazione a Km e l'assicurazione temporanea sono due soluzioni assicurative alternative, particolarmente consigliate a coloro che utilizzano poco la loro auto.

L'assicurazione a Km prevede un premio assicurativo proporzionale alla fascia chilometrica di percorrenza che bisognerà indicare in fase di sottoscrizione del contratto. Questa soluzione è ideale per chi usa l'auto solo nel weekend o per compiere brevi spostamenti in città. Per il conteggio dei chilometri è necessaria l'installazione della scatola nera sul veicolo assicurato.

L'assicurazione temporanea offre una copertura assicurativa limitata al solo periodo di reale utilizzo del veicolo. Questa formula prevede varie soluzioni assicurative: giornaliere, settimanale o mensile, fino alle formule trimestrali o semestrali.