Compara le migliori polizze auto e scegli la più conveniente!
* Profilo utilizzato: Maschio 45 anni residente Bolzano Fiat Punto

Assicurazione auto d’epoca e auto storiche

Scopri cosa pensa la community:
Assicurazione Auto dEpoca e Storiche | SuperMoney 5,00 su 5 in base a 2 valutazioni. 2 recensioni.
Leggi le opinioni
Ti siamo stati utili?
Raccomandaci su Google

Assicurare l’auto storica o d’epoca: la guida completa

Le auto storiche o d’epoca necessitano di un’assicurazione auto particolare per poter circolare. Ma quando un’auto o una moto diventa storica, e quando si definisce d’epoca? Vista la confusione che regna tra gli automobilisti sulla questione veicoli con più di 20/30 anni cerchiamo di fare chiarezza con l’aiuto degli esperti di SuperMoney.

 

 

Quando un’auto diventa storica?

Un’auto si definisce storica se:

  • ha più di 20 anni (dalla data di costruzione, non di immatricolazione!)
  • è ancora iscritta al Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e quindi può circolare liberamente su strada
  • è iscritta all’ASI, l’Automotoclub Storico Italiano. L’iscrizione costa 41€ e va fatta presso un club automobilistico che attesti la “storicità” del veicolo, portando con sé foto e documenti che provino l’età del mezzo. Perché la richiesta di iscrizione all’ASI venga accettata è però necessario che l’auto si trovi in buone condizioni.

Esistono altri registri speciali dove è comunque possibile iscrivere il nostro veicolo: Storico Lancia, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI. Questi specifici registri sono indicati quando il nostro veicolo ha caratteristiche tali di storicità da ritenersi un veicolo da collezione.

Torna su

 

Quando l’auto si definisce d’epoca?

Secondo l’art. 60 del Codice della Strada, un’auto è d’epoca se ha più di 20 anni ed è stata cancellata dal PRA, poiché non più idonea alla libera circolazione su strada. Tuttavia, in particolari occasioni, come ad esempio i raduni e altre manifestazioni, le auto d’epoca possono comunque essere condotte su strada, ma solo su percorsi protetti e a una velocità massima concordati in anticipo con la compagnia assicurativa, e con una targa di cartone confezionata appositamente per l’occasione. Le auto e moto d’epoca devono inoltre essere iscritte nell’apposito elenco conservato presso il Centro storico del Dipartimento per i Trasporti Terrestri.

Differenza tra auto storiche e auto d’epoca

C’è da sottolineare che le auto Storiche si differiscono dalle Auto d’Epoca per un motivo su tutti: le auto storiche possono circolare purché iscritte all’ASI (anche se vi sono eccezioni come abbiamo potuto notare), o nel caso di auto storiche da collezione negli appositi registri che abbiamo visto prima.

Le Auto d’Epoca non possono circolare, anzi non devono essere presenti all’interno dei registri del PRA proprio perché sono auto che non hanno i requisiti “tecnici” per poter circolare liberamente, in tema di emissioni CO2 per esempio. Sono auto che generalmente possiamo trovare in esposizione presso musei o mostre di settore.

Torna su

 

Quando un’auto è di interesse collezionistico?

Oltre alle auto storiche e alle auto d’epoca, vi sono anche le vetture di interesse collezionistico. Queste devono avere più di 30 anni ed essere iscritte all’ASI o ad un registro analogo (Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico Lancia, ecc.). Anche in questo caso le auto devono trovarsi in buone condizioni per poter essere iscritte al PRA e circolare liberamente su strada.

Torna su

 

Come assicurare un’auto d’epoca o storica?

Per poter sottoscrivere un’assicurazione per auto o moto d’epoca o storiche, il richiedente deve avere almeno compiuto 23 anni di età. L’assicurazione auto per questa particolare tipologia di veicoli presenta diverse agevolazioni in termini di costi, solitamente molto più bassi rispetto alle polizze per i veicoli più recenti. Oltre alla copertura Rc auto ad un prezzo vantaggioso, le polizze per le auto d’epoca o storiche normalmente danno diritto ad una classe di merito fissa, senza l’applicazione quindi della clausola Bonus/Malus.

Le auto storiche, inoltre, non pagano il bollo se hanno superato il 30esimo anno di età. Fino all’anno scorso tale soglia era più bassa (20 anni), ma la Legge di Stabilità 2015 voluta dal Governo Renzi ha modificato le carte in tavola, con sommo dispiacere dei possessori di mezzi storici con un’età compresa tra i 20 e i 29 anni. Un provvedimento che, secondo le stime dell’ASI, avrebbe procurato allo Stato guadagni per oltre 7.5 miliardi di euro, ma che avrebbe anche contribuito ad arginare il fenomeno delle “finte auto storiche”.

Assicurazioni auto storiche e auto d’epoca: caratteristiche peculiari

Sia che si tratti di auto storiche oppure d'epoca, prima di concedere la polizza le compagnie tendono comunque ad accertarsi dell’esperienza alla guida dell’assicurato e non solo, tendono infatti ad essere molto precise sulle abitudini del conducente del veicolo, dunque se partecipa e a quali eventi di settore con il veicolo assicurato ad esempio.

Inoltre una particolare attenzione viene posta in essere dalle compagnie per quanto concerne le clausole d’esclusione al risarcimento del danno, come nel caso dei servizi aggiuntivi e di alcune tutele speciali che le compagnie offrono in relazione a questo specifico tipo di polizze assicurative.

Assicurazione auto storiche senza ASI: è possibile?

Per poter usufruire delle polizze per veicoli storici o d’epoca, occorre che il proprio mezzo sia iscritto all’ASI. Prima di richiederne l’iscrizione dovrai però provvedere alla registrazione presso un club convenzionato con l’ASI, in una sorta di step intermedio. La maggior parte delle compagnie accetta di assicurare un’auto storica o d’epoca solo previa esibizione dell’attestato di storicità rilasciato dall’ASI, tuttavia alcune compagnie possono accontentarsi anche della sola iscrizione presso un club convenzionato con l’ASI. Per maggiori informazioni ti invitiamo a leggere questo articolo.

Torna su

 

Quanto costa l'assicurazione per auto d'epoca?

Attenzione all’assicurazione per le auto d’epoca, auto quindi che non hanno i requisiti per circolare. Questo tipo di assicurazioni sono piuttosto costose anche se ci sono sconti di rilievo per quanto riguarda il bollo, tenendo sempre presente che fattori come la residenza e dove si custodisce il veicolo sono fattori che incidono molto sul prezzo finale.

In provincia di Bolzano, un’Assicurazione Auto d’Epoca può costare intorno alle 180 euro all’anno, mentre in provincia di Napoli, parliamo sempre di premi annuali, le tariffe possono andare anche oltre i 700 euro all’anno.

Ci sono comunque tante soluzioni che non tengono conto della zona di residenza o di custodia del mezzo, ma che tengono conto della cilindrata dell’auto, il premio aumenta solo in rapporto a questo parametro.

Torna su

 

Vantaggi dell'assicurazione auto storiche

Le polizze dedicate alle auto storiche spesso e volentieri offrono dei vantaggi di un certo rilievo: classe di merito fissa e guida libera su tutti. Guida libera  significa che questo genere di polizza consente a chiunque di guidare il mezzo. Un altro fattore interessante è legato al fatto che per tutti coloro che possiedono più di una moto o un’auto d’epoca le compagnie oggi offrono polizze “ da collezione” di sicuro interesse.

Torna su

Leggi tutti i commenti


Finalmente qualcuno in sto benedetto paese che spiega bene le cose. Grazie👉
11-nov-2017
Il tuo voto5

Molto utile!
13-feb-2017
Il tuo voto5