La sottoscrizione di una polizza assicurativa per il camper rientra tra gli obblighi dei camperisti. Se stai pensando di trascorrere le tue vacanze in camper ricorda che oltre ad effettuare i normali controlli per testare la sicurezza del veicolo, dovrai anche controllare la situazione assicurativa. Come previsto per le auto, anche per la circolazione dei camper è richiesta la sottoscrizione di una polizza che risarcisca i danni a persone o cose, provocati dalla circolazione del veicolo.

Da leggere: RC Auto e Moto: quali sono le abitudini degli italiani in vacanza?

Come funziona l'assicurazione camper?

L'assicurazione camper prevede le stesse caratteristiche e finalità delle assicurazioni auto. L'unica differenza riguarda proprio la classificazione del mezzo, che rientra nella categoria "altri veicoli", in cui sono inclusi altri mezzi, come: gli autobus, gli autocarri, le macchine agricoli e i camion.

Come accade per le polizze auto, anche l'assicurazione per il camper prevede il pagamento di un premio assicurativo, il cui importo sarà stabilito da alcune precise caratteristiche che riguarderanno non solo il veicolo, ma anche l'intestatario del contratto assicurativo, come:

- caratteristiche anagrafiche e il passato assicurativo dell'intestatario del contratto;

- la classe CU di provenienza e assegnazione per il meccanismo bonus/malus;

- le caratteristiche del veicolo, ad esempio la potenza;

Anche l'assicurazione camper offre la possibilità di sottoscrivere delle garanzie accessorie, in grado di offrire maggiori possibilità di copertura in caso di particolari eventi. Oltre alle polizze più note, che includono furto e incendio, assistenza stradale, kasko o cristalli, potrai ampliare la copertura assicurativa attivando delle particolari garanzie accessorie, studiate appositamente per i camper, come:

Responsabilità civile personale dei trasportati: per coprire i danni involontariamente causati a terzi dai passeggeri del veicolo;

Responsabilità civile del camperista: per i danni causati a terzi ma nelle aree di sosta camper, nei campeggi e nelle zone condominiali;

Carico e scarico: copre i danni involontariamente provocati a terzi nel corso delle operazioni di carico e scarico;

Rinuncia alla rivalsa: con questa clausola la compagnia può rinunciare alla rivalsa nei casi di guida con patente scaduta o di sinistro provocato da un veicolo con un carico superiore ai limiti riportati nel libretto di circolazione;

Trasporto irregolare: questa polizza copre i danni riconducibili al numero di persone presenti sul mezzo, superiore a quello previsto dal libretto di circolazione;

Traino rimorchio privo di targa propria: assicura il rischio del traino di un rimorchio privo di targa propria agganciato al camper.

Come scegliere l'assicurazione camper più vantaggiosa?

Data l'ampia offerta di soluzioni assicurative, l'unico modo per selezionare l'assicurazione camper più vantaggiosa è confrontare le condizioni previste dalle varie soluzioni presenti sul mercato. Ricorda che oltre alle voci di spesa, dovrai includere nella tua valutazione anche la frequenza di utilizzo.

Il mercato assicurativo ti permette di scegliere tra diverse formule. Tra le più apprezzate rientra la polizza giornaliera, che prevede un costo dell'assicurazione proporzionato ai giorni di reale utilizzo del mezzo, attraverso l'acquistano dei veri e propri "pacchetti di giornate". Un'altra soluzione potrebbe essere l'assicurazione auto a km, che prevede però l'installazione di un dispositivo satellitare necessario per monitorare i chilometri percorsi.

In alternativa potrai richiedere la sospensione dell'assicurazione durante i periodi di inutilizzo. Molte compagnie infatti permettono di congelare la decorrenza della polizza nel corso del contratto di assicurazione. Così facendo potrai raddoppiare la durata dell'assicurazione camper al medesimo costo annuale, così da risparmiare il 50% della polizza.