Con un'assicurazione temporanea puoi risolvere il grande problema di pagare troppo per la tua assicurazione auto, ma solo se usi poco il tuo mezzo. Scopri di cosa si tratta all'interno di questo articolo: proveremo a rispondere a tutte le tue domande sulle caratteristiche, i costi e le varie differenze rispetto a una assicurazione classica.

Assicurazione temporanea: in cosa consiste

Ti sarà capitato probabilmente di sentire almeno una volta nella vita il termine assicurazione auto temporanea, associato ovviamente a quello che concerne la tutela per gli automobilisti e per i veicoli. Ma all'atto pratico di cosa si tratta? La formula è detta anche provvisoria, e ti consente di essere protetto per un periodo di tempo non molto esteso tramite la classica RCA (Responsabilità Civile Autoveicoli).

Le assicurazioni periodiche nascono per tutti coloro che dispongono di un'autovettura che usano in modo molto saltuario, che magari si deve spostare per pochissimi giorni solo per spostarsi in modo definitivo verso una location lontana, dove poi si provvederà a fare un'altra assicurazione magari più prolungata.

C'è da dire però che nel corso degli anni, al contrario di ciò che era avvenuto in un primo momento, le compagnie che hanno voluto mettere a disposizione una assicurazione temporanea da pochi giorni sono davvero pochissime. Il motivo è semplice: il costo di un'assicurazione temporanea è alto se paragonato a una polizza annuale. Essere assicurati per pochi giorni potrebbe infatti richiedere fino a 10€ ogni 24 ore, che paradossalmente ammontano alla spaventosa cifra di 300€ mensili circa.

In alcuni casi però, è la cosa che conviene di più, soprattutto se stai pensando di spostarti in modo definitivo in un'altra zona. La cosa potrebbe convenire anche per tutte quelle particolari assicurazioni temporanee che prevedono la libera circolazione sul suolo in specifici giorni, proprio quei giorni in cui devi spostarti. C'è da dire però che, vista la difficoltà immensa a trovare assicurazioni per pochi giorni, le polizze temporanee più frequenti sono quelle trimestrali, da non confondere con quelle annuali con pagamento rateizzato ogni tre mesi.

Una valida alternativa potrebbe essere però l'assicurazione a chilometri.

DA LEGGERE: Assicurazione a km moto: come funziona e a chi conviene?

Assicurazione temporanea: le alternative

All'assicurazione temporanea ha una alternativa interessante, che non è altro che l'assicurazione a consumo. Questa dispone di un limite massimo di chilometri annui che puoi percorrere per essere coperto regolarmente dall'RCA, con eventuali ulteriori optional.

Tale scelta favorisce sicuramente il prezzo finale, che è contenuto, e soprattutto tutti coloro che non guidano molto ma che lo fanno saltuariamente, con irregolarità. Attenzione però: bada bene a scegliere una polizza che dispone di un range massimo di chilometri che sei assolutamente sicuro di non superare, poiché all'eventuale superamento la compagnia assicurativa impone immediatamente il pagamento di penali decisamente molto salate. Altra raccomandazione per la scelta della assicurazione auto a km è nel controllo, mese per mese, dei chilometri percorsi, in modo da evitare sorprese spiacevoli.