L'assicurazione auto, conosciuta spesso con il nome di rc auto, rappresenta una polizza assicurativa obbligatoria e deve quindi essere sottoscritta da tutti coloro che utilizzano un mezzo a motore sul territorio nazionale. Tuttavia in Italia i veicoli che circolano senza rca sono 4 milioni e, stando alle ultime segnalazioni dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni, è in crescita anche il numero di auto con assicurazione falsa: 12 le compagnie fasulle solo nei primi 10 mesi del 2016 rispetto alle 3 nel 2015 e alle 8 nel 2014.

Detto altrimenti, sono in aumento le polizze stipulate con compagnie assicurative non autorizzate dall'IVASS. Il diffondersi di questo fenomeno è causato innanzitutto dall'elevato costo dei premi rc auto e quindi è il risultato di un tentativo di risparmio da parte dei cittadini, ma non solo.

La diffusione di polizze contraffatte dipende anche dalla scarsa conoscenza degli assicurati che non hanno a disposizione gli strumenti necessari per capire quando un'assicurazione è falsa. Ecco perchè oggi abbiamo deciso di illustrarti quali sono i casi accertati di rc auto fasulle oltre a fornirti dei consigli su come tutelarsi in caso di assicurazione auto falsa.

DA LEGGERE: Auto senza assicurazione: se pago la multa mi sequestrano la macchina?

Polizze contraffatte: quali sono i casi accertati quest'anno?

Come dicevamo, gli episodi di auto con assicurazione falsa riscontrati dall'IVASS da Gennaio a Ottobre 2016 si sono quadruplicati rispetto a quelli dell'anno precedente. A questo proposito l'Istituto per la Vigilanza sottolinea come si tratti di un fenomeno principalmente legato alla ricerca di contratti rca via web. Questo è ad esempio dimostrato dagli ultimi 3 casi segnalati il 2 Novembre 2016 che vedono incriminati questi tre siti internet:

  • www.galloassicurazioni.com
  • www.assipuntodrive.com
  • www.brokeriamo.it

Si tratta di portali web che non sono riconducibili ad alcun intermediario iscritto al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi (RUI). Le presunte compagnie assicurative riportavano infatti sui propri siti i riferimenti e i numeri di iscrizione corrispondenti ad altri ntermediari regolarmente iscritti che, una volta contattati, si sono dichiarati estranei alle attività svolte su questi siti internet.

Di seguito ti riportiamo gli estremi delle altre compagnie assicurative false che sono state individuate nel corso di quest'anno: BTA INSURANCE COMPANYSE (Germania), GABLE INSURANCE AG (Liechtenstein), HASICSKÁ VZÁJEMNÁ POJIT'OVNA (Repubblica Ceca), T.U.I.R. WARTAS.A (Polonia), Great Lakes Reinsurance SE e China Taiping Insurance CO (Regno Unito), Aig Europe Limited, COLONNADE INSURANCE S.A., Grazer Wechselseitige Versicherung Aktiengesellschaft, COMPANIA DE ASIGURARI - REASIGURARI EXIM ROMANIA SA (Romania).

Assicurazioni false: come tutelarsi?

Oltre a inasprire le sanzioni amministrative per queste forme di reato, al fine di ridurre il fenomeno della commercializzazione di polizze rca false l'IVASS richiama l'attenzione degli utenti e sottolinea che la stipulazione di assicurazioni auto intermediate da siti internet come quelli segnalati comporta: per i contraenti l'insussistenza della copertura assicurativa e per gli operatori intermediari lo svolgimento di un'attività che viola le vigenti disposizioni di legge.

Acquistare una polizza rc auto online rappresenta sicuramente una valida soluzione di risparmio per gli utenti, ma con i dovuti accorgimenti. Prima di sottoscrivere un contratto rc auto ti raccomandiamo di verificare che la compagnia assicurativa sia autorizzata dall'IVASS per operare nel ramo della commercializzazione di polizze rca così come che gli intermediari assicurativi siano regolarmente iscritti al RUI. In conclusione, ricordati quindi di affidarti sempre a portali di comparazioni conosciuti, come ad esempio SuperMoney, o alle compagnie assicurative accreditate.