SuperMoney
0236571853

Da rete fissa
800 032424

Da rete mobile
0236571853

Lun-Ven • 9-13/15-19

Uso del cellulare alla guida: sanzioni e rischi

-

Leggere un messaggio su WhatsApp mentre guidi equivale a percorrere 100m alla cieca, farsi un selfie anche 200m.

Guarda le immagini

Uso dello smartphone alla guida Uso dello smartphone alla guida

Usare il cellulare mentre si guida è una (cattiva) abitudine sempre più diffusa. Basta guardarsi intorno mentre si è in coda o mentre si aspetta di attraversare a un semaforo: gli automobilisti impegnati a parlare al telefono o a leggere e rispondere ai messaggi sono davvero tanti, troppi.

Quello di cui però non ci si rende conto è che distrarsi anche solo per pochi secondi equivale a percorrere diverse decine di metri completamente alla cieca. Una follia, che può costare molto cara sia a chi guida, sia a pedoni e altri automobilisti.

Se questo non fosse già più che sufficiente per darsi una regolata, sapere che in caso di guida con cellulare sono previste multe salate e decurtazione di punti dalla patente potrebbe essere un ulteriore deterrente.

Smartphone alla guida: incidenti e vittime in aumento

Secondo i dati Istat e Aci, nel 2014 la distrazione è stata causa del 16,9% degli incidenti totali. Distrazione che nella maggior parte dei casi è legata all'utilizzo del cellulare mentre si guida, magari per leggere e rispondere a un messaggio, dare una sbirciata alle proprie pagine social o addirittura scattarsi un selfie.

Il problema più grande, però, è che la maggior parte delle persone non si rende conto di quanto sia pericoloso usare lo smartphone mentre si è al volante. Quando siamo distratti, i tempi di reazione si riducono del 50%: questo vuol dire che abbiamo la metà del tempo per reagire a un evento inaspettato.

E non è tutto. Leggere un messaggio su WhatsApp richiede in media 8 secondi, il che significa che procedendo a 50 km/h percorreremmo circa 100 metri completamente distratti. Distanza che aumenta se rispondiamo al messaggio o se abbiamo la brillante idea di farci un selfie alla guida. Anche se sembrano pochi, in quei 100 o più metri avremmo tutto il tempo per tamponare un'altra auto, finire fuori strada o investire qualcuno.

Usi il cellulare alla guida? Per te sanzioni fino a 646 euro

Nel 2014, in Italia sono stati fermati e multati quasi 60mila automobilisti perché sorpresi a utilizzare il cellulare alla guida della propria auto.

L'articolo 173 del Codice della Strada vieta infatti l'utilizzo di apparecchi radiotelefonici o di cuffie sonore alla guida, permettendo però l'uso di dispositivi auricolari viva voce, a patto che questi non richiedano l'uso delle mani per essere attivati durante la marcia.

Chi non rispetta tali regole rischia una sanzione amministrativa da 161 a 646 euro e di perdere 5 punti della patente. Se la multa viene pagata entro 5 giorni dalla contestazione si applica uno sconto del 30%, che abbassa quindi la sanzione a soli 112 euro.

Inoltre, se nei due anni successivi si viene sorpresi a commettere di nuovo la stessa infrazione si rischia di vedersi la patente sospesa da 1 a 3 mesi.

DA LEGGERE: Guidi con un braccio fuori dal finestrino? Prendi la multa

Mancata contestazione immediata per cellulare alla guida

Purtroppo, invece che cercare di mantenere una linea dura per scoraggiare questo comportamento tra gli automobilisti, la Legge permette invece delle scappatoie. L'articolo 200 del Codice della Strada stabilisce infatti che, affinché la multa sia considerata valida, l'infrazione deve essere contestata immediatamente, fermando l'automobilista. Se proprio questo non fosse possibile, è necessario che nel verbale sia specificato chiaramente il perché non è stato possibile fermarlo. Se così non fosse, l'automobilista può presentare ricorso e farsi annullare la sanzione.

TAG Incidente stradale

Cosa ne pensi? Aggiungi un tuo commento


Vuoi rimanere sempre aggiornato?