Purtroppo quella di investire un animale mentre si guida è un'eventualità tutt'altro che rara. Può essere un cane lasciato libero che attraversa improvvisamente la strada, oppure un animale selvatico sulle strade di campagna e di montagna. In ogni caso, devi sapere che se ti trovi in questa spiacevole situazione hai degli obblighi precisi da assolvere, esattamente come quando rimani coinvolto in un sinistro con un'altra auto.

Dal 2010 il Codice della Strada prevede l'obbligo di fermarsi a prestare soccorso anche per l'automobilista che ha investito un animale. In particolare, si stabilisce che, in caso di incidente con un animale, l'automobilista ha l'obbligo di fermarsi per assicurare alla bestiola un tempestivo intervento di soccorso.

In particolare, tale obbligo vale nel caso di incidente con:

  • animali d'affezione, ovvero cani e gatti
  • animali da reddito, ovvero tutti quegli animali che rappresentano una fonte di guadagno per il proprietario
  • animali protetti

Cosa fare se si investe un animale?

La normativa prevede quindi che, in caso di incidente che coinvolga un animale, il guidatore debba fermarsi e allertare un veterinario e una forza di polizia. Se non si possiedono conoscenze veterinarie meglio non cercare di spostare l'animale e attendere l'arrivo dei soccorsi.

Nello specifico è possibile rivolgersi al Corpo Forestale dello Stato (1515), al servizio veterinario della ASL di competenza o alla clinica veterinaria privata più vicina (su struttureveterinarie.it trovi una banca dati aggiornata). Ovviamente vanno allertate anche le Forze dell'Ordine, quindi Carabinieri (112) o Polizia (113).

Nel caso in cui l'animale fosse morto nell'incidente è sufficiente chiamare la Polizia. A questo punto sarà poi compito di un veterinario certificare la morte della bestiola, mentre per i casi più delicati è prevista l'autopsia a cura dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale della provincia in cui ha avuto luogo l'incidente.

DA LEGGERE: Cosa succede se investo un pedone?

Ho investito un animale: devo pagare i danni di tasca mia?

Saranno le Forze dell'Ordine ad accertare la responsabilità di quanto accaduto e a stabilire chi deve farsi carico delle spese veterinarie, oltre che di eventuali danni economici o morali al proprietario.

Se l'incidente è accaduto per una tua disattenzione sarai tu a dover pagare le spese veterinarie. Se invece la causa è imputabile a un qualche comportamento scorretto del proprietario dell'animale, l'articolo 2052 del Codice Civile stabilisce che questi si faccia carico degli eventuali danni che l'incidente potrebbe aver procurato alla tua auto o alla tua persona.

Cosa rischio se non mi fermo?

Se dopo aver investito un animale non ci si ferma a prestare soccorso si rischia una multa da 410 a 1.643 euro. Stesso discorso per le altre persone coinvolte nel sinistro o per i testimoni, che in caso di omissione di soccorso rischiano una sanzione da 82 a 328 euro. Nel caso in cui il responsabile dell'incidente si desse alla fuga, i testimoni possono inoltre prendere nota della targa per comunicarlo alle Forze dell'Ordine.