Nell'ambito della stipula di una polizza auto, il premio assicurativo è l'importo che il guidatore assicurato paga alla compagnia assicurativa affinchè quest'ultima si faccia carico al posto del contraente di eventuali rischi e danni che altrimenti non sarebbe in grado di affrontare.

La sottoscrizione dell'rca è obbligatoria per tutti i veicoli a motore che circolano sul territorio nazionale e fa sì che l'assicuratore debba risarcire, nei termini concordati durante la stipula del contratto, i danni provocati a persone e cose terze dalla circolazione del veicolo. Tutto questo previa la riscossione del premio dell'assicurato.

Nello specifico, i guidatori devono provvedere al pagamento del premio polizza ogni 12 mesi e possono scegliere se versare la somma annualmente, mensilmente oppure ogni sei mesi. Ma che cosa succede se paghi un premio annuale e decidi di vendere la macchina nonostante ti restino ancora molti mesi da pagare?

A questo proposito devi sapere che esistono alcuni casi specifici per cui è possibile richiedere il rimborso del premio assicurativo. Andiamo quindi ad analizzare in quali situazioni puoi avere il rimborso e qual è la procedura da seguire per richiederlo e infine ottenerlo.

Rimborso premio assicurativo: chi può ottenerlo?

Riguardo al rimborso del premio assicurativo, il Codice della Strada è piuttosto chiaro. Possono richiedere il risarcimento solo coloro che:

  • vogliono vendere la vettura;
  • desiderano esportare la macchina all'estero;
  • intendono demolire l'automobile;
  • sono stati vittima del furto dell'auto.

Questi sono gli unici casi in cui potrai ottenere il rimborso del premio assicurativo poichè, in tutte queste circostanze, viene a mancare l'effettiva proprietà sulla vettura e quindi non ha più senso che l'assicurato continui a corrispondere il costo della polizza.

DA LEGGERE: Come verificare se un veicolo è assicurato?

Qual è la procedura da seguire per richiedere il rimborso?

Una volta fatta chiarezza sui casi in cui è possibile ottenere il risarcimento del premio assicurativo, vediamo di concentrarci sulla procedura che è necessario seguire affinchè il rimborso vada a buon fine.

Innanzitutto è importante sottolineare che puoi ottenere il rimborso solo se sei in regola con i pagamenti del premio e se è stata stabilita la cessazione della circolazione del veicolo. Inoltre, se hai intenzione di richiedere il rimborso perchè desideri vendere, espatriare o rottamare la tua auto allora la prima cosa da fare è quella di restituire il certificato assicurativo e il contrassegno dell'automobile alla tua compagnia assicurativa.

Ti ricordiamo poi che la richiesta di risarcimento assicurativo ha comunque dei costi legali che ti verrano scalati direttamente dall'importo totale del rimborso. Detto altrimenti, la cifra restituita dalla compagnia non sarà al netto del premio non goduto.

Infine, un caso a parte è quello del rimborso del premio assicurativo a causa del furto dell'auto. In questa circostanza particolare, la quota del risarcimento viene calcolata a partire dalla data in cui è stata effettuata la denuncia del furto e dall'importo viene inoltre sottratto quanto dovuto per la copertura furto.