SuperMoney
0236571853

Da rete fissa
800 032424

Da rete mobile
0236571853

Lun-Ven • 9-13/15-19

Bimbi in auto: in 4 casi su 10 non viaggiano correttamente

-

Oltre il 40 % dei guidatori non fa viaggiare i minori nel modo corretto. Ecco i consigli per portare i bimbi in auto.

Guarda le immagini

Bimbi in auto: l'Indagine Quixa Bimbi in auto: l'Indagine Quixa

Le vacanze estive sono ormai finite per la maggior parte delle famiglie italiane, come dimostrano i massicci contro-esodi in auto che si stanno verificando in questi ultimi week-end di fine estate.

Proprio in questa occasione, la compagnia assicurativa online Quixa torna a promuovere una nuova indagine in materia di rca. La ricerca è stata affidata all’istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research ed è volta a promuovere la sicurezza sulla strada con bimbi in auto.

Nello specifico, dall’indagine emerge un dato piuttosto allarmante: più del 40 % dei guidatori ha ammesso di non far viaggiare in sicurezza i propri figli in auto. Vediamo quindi di seguito quali sono gli altri dati interessanti che sono stati fotografati dall’Osservatorio Stetoscopio e quali sono i consigli per viaggiare in strada in modo sicuro con il tuo bambino.

Bimbi in auto: i dati dell’indagine Quixa

Nonostante gli italiani siano consapevoli dei rischi che i propri figli potrebbero correre in auto, dalla ricerca di Quixa emerge che oltre il 40 % di loro dichiara di non attenersi sempre in modo corretto alla normativa vigente in materia di trasporto in sicurezza di bimbi in auto. Detto altrimenti, questo significa che in Italia 4 bambini su 10 non viaggiano correttamente quando vengono trasportati in automobile.

In generale, viaggiare con un minore a bordo sembra stimolare, almeno in via teorica, una maggiore prudenza fra i guidatori. Stando infatti ai risultati della ricerca, il 78 % degli intervistati sostiene di fare più attenzione durante la guida se nella vettura è presente anche un bambino. Tuttavia, è stato dimostrato che si tratta di un atteggiamento che si affievolisce via via che il bimbo cresce. L’85 % dei guidatori che viaggiano con bambini fino ai 5 anni di età sostiene di essere prudente alla guida mentre la percentuale diminuisce al 65 % passati i 6 anni di età.

DA LEGGERE: Scopri i vantaggi della scatola nera con QuixaBOX

Bimbi in auto: più prudenza al Nord Italia

Un altro dato interessante che è stato evidenziato riguarda l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza per i minori previsti dalla normativa. Dalla ricerca si evidenzia come il 41 % degli italiani non utilizza sempre i seggiolini o non ha a disposizione quelli adeguati a seconda delle differenti fasce di peso. A fare la differenza, anche in questo caso, è l’età del bambino. Fino ai 5 anni di età più dell’80 % dei guidatori si attiene alle regole mentre dai 6 anni in su questa percentuale scende drasticamente al 56 %.

Significativi sono poi al riguardo anche le informazioni che emergono a carattere geografico. Dallo studio risulta evidente come ci sia una maggiore attenzione da parte dei guidatori del Nord Italia rispetto a quelli delle regioni del Sud Italia. Mentre al Nord il 67 % dei guidatori dichiara di utilizzare correttamente gli strumenti per trasportare i minori, al Sud il 41 % degli intervistati ammette di non utilizzare le apposite sedute per i bambini.

Viaggiare in sicurezza con i minori: i consigli di SuperMoney

Fra i dati più significativi dell’Indagine Quixa vi è quindi quello che con l’avanzare della crescita del bambino, i guidatori tendono a minimizzare il rischio. Atteggiamento più che sbagliato, come dimostrano i numeri del rapporto ACI – Istat sugli incidenti stradali in Italia. Solo nel corso del 2014 si sono infatti verificati 62 decessi contro i 55 del 2013 e oltre 12.217 feriti tra ragazzi fino ai 14 anni. In generale, nel corso del 2014, il numero di bambini deceduti in incidenti stradali è aumentato del 12,7 %.

Ecco quindi di seguito che cosa è importante ricordare per far viaggiare in modo sicuro i vostri bambini. Prima di tutto, ricordati che i sistemi di sicurezza (cinture e air-bag) presenti sulle autovetture non sono adatti a persone di altezza inferiore a 1.50 metri di altezza. Qualora il minore non raggiunga questo valore, il veicolo dovrà essere dotato di seggiolino o adattatore adeguato non solo alla sua altezza ma anche al suo peso.

Nello specifico, i dispositivi di ritenuta sono obbligatori dalla nascita fino al raggiungimento di 36 kg di peso. Fino ai 18 kg dovrai collocare il tuo bambino esclusivamente su seggiolino. Superati i 18 kg, invece, potrai iniziare a utilizzare il cosiddetto adattatore, ovvero una struttura che, sollevando il bimbo, permette di far uso delle cinture di sicurezza della tua vettura.

Inoltre, ti ricordiamo che fino ai 9 kg di peso, il neonato deve essere trasportato in senso contrario alla marcia del veicolo. A partire dai 10 kg, potrai invece iniziare a girare il seggiolino in senso di marcia. Infine, è importante ricordarsi di disattivare il sensore air-bag relativo al sedile sul quale decidi di collocare il seggiolino del tuo bambino. In generale, comunque, il posto più adatto rimane sempre il sedile posteriore al centro così da proteggere il minore anche in caso di urti laterali.

TAG preventivi rca , quixa

Cosa ne pensi? Aggiungi un tuo commento


Vuoi rimanere sempre aggiornato?