Sottoscrivere una polizza auto intestata a persona diversa dal proprietario del veicolo è possibile. Va detto, però, che non tutte le compagnie danno questa opportunità e che non si tratta nemmeno di una soluzione particolarmente vantaggiosa, a differenza di quanto pensano molti automobilisti.

Sono in tanti a credere che intestare la polizza auto ad una persona diversa dal proprietario possa portare benefici in termini di riduzioni del premio assicurativo, nel caso in cui il contraente dell'assicurazione (e principale utilizzatore del mezzo) avesse una classe di merito migliore di quella del proprietario dell'auto.

Polizza auto intestata a persona diversa dal proprietario: il parere della Cassazione

Partiamo con una premessa: il contraente della polizza è chi sottoscrive il contratto di assicurazione e si impegna a pagarne il premio; il proprietario dell'auto è il soggetto che risulta registrato presso il Pubblico Registro Automobilistico come intestatario del veicolo (PRA).

Molti automobilisti credono che intestare l'assicurazione a una persona diversa dal proprietario possa portare benefici economici. Nel 2011, tuttavia, la Cassazione si è espressa su un caso di un guidatore che chiedeva di poter assicurare l'auto di un parente con la propria classe di merito, dal momento che, pur non essendone proprietario, ne era il principale conducente. La Cassazione ha respinto il ricorso, stabilendo quindi che, nel caso di polizza auto intestata a persona diversa dal proprietario, il premio assicurativo vada calcolato comunque in base alla classe di merito del proprietario del mezzo.

DA LEGGERE: Come trasferire la polizza su un'altra auto?

Quali vantaggi con un intestatario diverso dal proprietario?

L'unico vantaggio di questo escamotage è il risparmio sul passaggio di proprietà, che può arrivare a costare anche 150-200 euro. Chi invece credeva di poterne approfittare anche per risparmiare sul premio dovrà ricredersi, purtroppo.

Vuoi risparmiare sul premio assicurativo? Usa la Bersani

Per chi era erroneamente convinto di risparmiare sul premio assicurativo intestando la polizza auto ad una persona diversa dal proprietario, invece, usufruire della Legge Bersani potrebbe senz'altro essere più vantaggioso. Dal 2007 questa permette di ereditare la classe di merito di un convivente appartenente al proprio Stato di famiglia per assicurare un'auto che entri a far parte del parco macchine familiare per la prima volta.