Assicurazione auto storica: come funziona? E' la prima domanda che un possessore di auto storica si pone dopo quella "Potrò guidarla?". Prima di pensare che un'auto storica, essendo storica, non si debba assicurare, iniziata a consultare le varie proposte di assicurazione auto e a leggere questa guida.

Auto d'epoca o auto storica?

Prima di pensare al preventivo di assicurazione per la nostra auto storica dobbiamo sapere se è storica oppure d'epoca. Quali sono le differenze? Entrambe debbono avere superato il ventesimo anno di età: fa fede la data di costruzione, non quella di immatricolazione.

Le auto d'epoca sono veicoli cancellati dal Pubblico Registro Automobilistico e quindi non più idonei alla circolazione: solitamente sono quei cimeli da collezionisti che circolano, con speciali autorizzazioni, durante i raduni o le manifestazioni pubbliche seguendo un percorso concordato.

DA LEGGERE: Auto storiche: in definitiva, chi paga il bollo?

Auto storiche: quali rientrano in questa categoria?

Le auto storiche, invece, sono quelle che, pur avendo più di 20 anni, sono ancora iscritte al Pubblico Registro Automobilistico, e possono circolare liberamente; inoltre, la normativa prevede che un'auto, per essere riconosciuta come auto storica, debba essere registrata all'ASI (Auto Storiche Italiane): per sottoscrivere questa procedura non è necessario recarsi all'ASI per l'iscrizione, si può tranquillamente farla nei club italiani che attestano l'idoneità del mezzo.

Assicurazione auto storica: come funziona? Primo passo: ASI

Abbiamo accennato che per essere riconosciuta come storica la nostra auto deve essere iscritta all'ASI. Questa pratica costa 41 euro e necessita di foto e documenti che attestino l'anzianità dell'auto.

Attenzione: se l'auto non si trova in buono stato di manutenzione, l'ASI può rifiutarsi di accettare la nostra richiesta di annessione al registro.

Come assicurare un'auto storica risparmiando sull'Rca

Veniamo alla parte centrale dell'articolo, l'assicurazione auto per un veicolo storico. Premettiamo che assicurando la nostra auto storica, possiamo ottenere una classe di merito fissa, invece che dipendere dal sistema Bonus/Malus che, prevedendo il declassamento per ogni sinistro denunciato, fa aumentare potenzialmente il costo dell'Rca.
Il secondo punto interessante è che la guida libera è inclusa nel prezzo, differentemente dalle assicurazioni auto ordinarie per le quali l'inserimento di un secondo conducente nel contratto di polizza corrisponde l'aumento del premio assicurativo.

Assicurazione auto storica: come funziona la formula garage

Chi possiede un parco auto storiche, può assicurarle tutte a condizioni vantaggiose: si tratta della cosiddetta formula garage, proposta da alcune compagnie per assicurare tutte le auto storiche di un unico proprietario permettendo notevoli risparmi.

Ricordiamo per chi volesse assicurare una delle auto della propria flotta a uno dei figli che le assicurazioni sui veicoli d'annata possono essere intestate solo a soggetti di età minima pari a 23 anni.