L'assicurazione auto è stata materia di grandi cambiamenti negli ultimi mesi e ulteriori novità sono previste per questo autunno. Si tratta di iniziative che non solo semplificheranno le procedure burocratiche, ma permetteranno anche di contenere le frodi ai danni delle compagnie. Di conseguenza, queste ultime dovrebbero poi essere in grado di proporre polizze meno care: una bella novità, visto che al momento anche i prodotti più economici costano diverse centinaia di euro, come puoi vedere tu stesso effettuando una rapida comparazione delle assicurazioni auto sul nostro portale.

Entrando nel dettaglio dei cambiamenti che riguarderanno l'assicurazione auto possiamo dire che saranno 5 le novità principali. Alcune di esse sono già entrate in vigore, come ad esempio la scomparsa dell'attestato di rischio cartaceo, mente altre verranno attuate nei prossimi mesi. Ma analizziamo nello specifico cosa sta cambiando in tema di assicurazione auto.

Attestato di rischio: ora è solo digitale

Come anticipato la prima grande novità è la scomparsa dell'attestato di rischio cartaceo. Dal 1 luglio 2015, infatti, non devi più recarti presso un'agenzia della tua compagnia per ottenere questo documento o aspettarlo per posta. La compagnia ha infatti l'obbligo di comunicare tutti i dati relativi al tuo storico dei sinistri e alla tua classe di merito all'Ania, l'Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici. I dati vengono quindi registrati in un database centralizzato, dove potrai consultarli liberamente con le credenziali che ti verranno fornite dalla tua compagnia.

DA LEGGERE: L'attestato di rischio diventa social

Contrassegno cartaceo: presto non dovrai più esporlo

A partire dal 18 ottobre 2015 potrai dire addio anche al contrassegno cartaceo di assicurazione auto, quello da esporre sul parabrezza della tua auto. Fino a quel momento, ti ricordiamo che non esporlo potrebbe costarti una multa e l'obbligo di doverti poi recare presso una stazione di Polizia per esibire il tagliandino come prova che effettivamente eri assicurato.

Da ottobre, invece, il contrassegno giallo non esisterà più e tutti i dati relativi alla copertura assicurativa di un determinato veicolo saranno consultabili direttamente sul portale dell'automobilista del Ministero dei Trasporti inserendo la targa del mezzo.

Costatazione amichevole: prossimamente su smartphone

Il modulo di costatazione amichevole (CID) è quel documento da compilare in caso di incidente con i dati di entrambi gli automobilisti coinvolti e i rispettivi veicoli. Per quanto scomodo e complicato è l'unico modo per ottenere poi il risarcimento che ti spetta.

L'Euresa, l'associazione delle imprese europee di mutua assicurazione e corporative, ha appena rilasciato un'app che permette di compilare il modulo CID direttamente tramite smartphone, in modo più semplice, intuitivo e veloce. Nei prossimi mesi l'applicazione dovrebbe essere disponibile anche in Italia. Non resta dunque che aspettare e vedere come le compagnie assicurative si adegueranno al cambiamento.

Scatola nera: se la installi paghi meno

Inizialmente previsto per il 2015, l'installazione obbligatoria della scatola nera su tutti i veicoli di nuova immatricolazione è slittata al 2017. Si tratta di dispositivi in grado di registrare informazioni sui percorsi effettuati, sulla velocità, sulle frenate, ecc: insomma, tutti i dati necessari per ricostruire a posteriori le dinamiche di un incidente. Inoltre, la scatola nera, grazie al suo localizzatore Gps, potrebbe rivelarsi molto utile anche in caso di furto del veicolo, poiché permetterebbe di rintracciarlo in tempi brevi. Ma non è tutto: l'Ue ha stabilito anche che questi dispositivi dovranno essere dotati di un sistema di e-call che, in caso di incidente grave, avvisi automaticamente il 112.

Al momento la scelta di installare o meno la scatola nera dipende dall'automobilista. Oltre ai vantaggi già elencati ti ricordiamo anche che per chi sceglie di adottare questo dispositivo le compagnie assicurative prevedono sconti sulla polizza auto che si aggirano intorno al 10%. Sicuramente un'opzione da valutare attentamente.

Dash-camera: le videocamere anteriori

Le dash-camera sono delle piccole telecamere che nei prossimi anni potrebbero diventare, al pari della scatola nera, uno strumento utile per combattere le frodi ai danni delle compagnie assicurative. Dal momento che sono proprio queste ultime le principali responsabili del caro-polizze è subito evidente l'utilità per il singolo automobilista di simili dispositivi.

Le dash-camera permettono di registrare tutto ciò che accade davanti alla macchina e gli apparecchi più avanzati sono dotati anche di sistema Gps e di sensori. Una specie di evoluzione della scatola nera quindi.