Saper scegliere premia sempre. Nonostante il calo del 4,4% del premio medio lordo di Rc auto rispetto al 2012, continua a essere fondamentale confrontare le tariffe di assicurazioni auto migliori. Questo è evidenziato anche dalla crescita esponenziale del ruolo degli aggregatori: il 50% delle nuove polizze auto stipulate online è stata preceduta dall'utilizzo dei comparatori, il cui uso è aumentato del 78,3% rispetto al 2012.

Stipulare una polizza assicurativa conveniente è quindi il modo migliore per risparmiare, soprattutto quando anche gli automobilisti virtuosi devo imparare a scegliere; infatti, con una attento vaglio delle offerte, anche i migliori possono arrivare a risparmiare fino a 720 euro.

La media del premio lordo, decresciuto dappertutto, in media del 4,4%, subisce una diminuzione maggiore proprio nelle zone considerate a maggior rischio come Palermo o Napoli che rispettivamente scendono del 11,3% e del 11,1%. In più il 2013 è il primo anno in cui il premio assicurativo, per iniziativa delle Gender Directive, non applica nessuna differenza tra uomini e donne. La diminuzione maggiore, inoltre, caratterizza le compagnie tradizionali che già, in termini di listino, avevano ridotto la distanza dalle compagnie dirette.

Tutti questi dati emergono dall'Osservatorio Auto di Aiba (l'Associazione Italiana Brokers di Assicurazioni e Riassicurazioni) che, nonostante la riduzione nella raccolta dei premi RCA, segnala anche il calo del "combined ratio", ovvero del rapporto tra spese generali e costo dei sinistri da una parte e premi di competenza dall'altra. Sul miglioramento dei conti delle compagnie hanno inciso principalmente due elementi: in primo luogo il calo della frequenza dei sinistri (-1,7% rispetto al 2012) e in secondo luogo il basso incremento (solo +1,8%) del costo medio dei sinistri

Lo studio di Aiba è stato realizzato sia sulla base dei prezzi di listino delle tariffe RCA sia considerando le categorie che presentano una maggiore concentrazioni di assicurati. L'indagine è stata compiuta con la collaborazione di Check-It-Auto, per la raccolta dei dati, e di Innovation Team, come società di consulenza.