Fino a poco tempo fa le assicurazione auto privilegiavano donne, in quanto statisticamente il sesso femminile è più prudente e fa meno incidenti. Ma grazie ad una sentenza della Corte Europea, adesso il costo delle polizze non fa più disparità di sesso e così le donne, secondo un calcolo dell'Ivass, si sono trovate a pagare fino al 16% in più rispetto a prima.

Ma è anche vero che le compagnie assicurative hanno praticato questo aumento ingiustificato in base alle zone. Alcune hanno fatto una discriminazione in base alla regione di appartenza. Insomma, nulla di nuovo. A questo punto, a chi si dovrebbe rivolgere una donna per risparmiare?

La regola del risparmio sull'RC auto

La regola del risparmio sull'RC auto non cambia, anche se si tratta di donne. Il primo passo è un confronto delle polizze delle varie compagnie, in modo da trovare la più conveniente. Ma questo confronto qualcuno lo ha fatto per voi sul portale SuperMoney, ed ecco cosa è emerso.

Tipologia: donna con Fiat Punto in 2 classe di merito.

Zone confrontate: Torino, Roma, Napoli.

Risultati

  • a Torino la polizza più vantaggiosa risulta quella offerta da Direct Line con 385 euro circa. Subito a seguire con soli 6 euro in più c'è la polizza di Con Te. Al terzo posto si colloca Linear con poco più di 440 euro (una cinquantina di euro in più rispetto a Direct Line);
  • a Roma i dati cambiano e al primo posto si piazza Con Te con un costo di 445 euro circa all'anno. Al secondo posto troviamo la compagnia assicurativa Quixa, con 470 euro e al terzo la Zurich Connect, con soli 6 euro in più rispetto a Quixa;
  • a Napoli cambia ancora la tendenza e soprattutto cambiano le cifre che rispetto a Torino raddoppiano. La polizza auto più conveniente è quella di Quixa, al costo di circa 788 euro all'anno. Segue Con Te con ben 1.109 euro e infine troviamo Direct Line con 1.290 euro.