Le donne pagano di più

Da una recente indagine condotta dall'Ivass (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni) è emerso che sono le donne a pagare un premio assicurativo medio più alto. La causa di questa disparità di pagamento risiederebbe in una sentenza della Corte di Cassazione europea, secondo cui le tariffe proposte non possono favorire il gentil sesso, malgrado negli anni sia stato registrato uno stile di guida più prudente da parte delle donne, che dunque sono coinvolte in maniera consistente in un numero inferiore di sinistri. Di fronte a questa discriminazione sessista è opportuno che le donne mettano in atto un'efficiente strategia difensiva.

Per quale polizza optare?

Le guidatrici, servendosi dei numerosi comparison sites presenti in rete, ovvero i siti che mettono a confronto i preventivi di diverse compagnie assicurative, possono valutare quale sia la più conveniente, in base al tipo di auto posseduta, al luogo di residenza e alla classe di merito di appartenenza.

Pochi click per risparmiare

Inserendo correttamente i propri dati anagrafici, i dati del veicolo e i dati assicurativi, dunque, i siti di comparazione specializzati sceglieranno per noi la polizza che consente un maggior risparmio. Senza farsi prendere dalla pigrizia è opportuno quindi, per ottenerne un vantaggio economico, cambiare compagnia assicurativa e rivolgersi a quella più conveniente per noi.