Ancora pochi giorni e per le compagnie assicurative scatterà l'obbligo di riservare sul proprio sito Web una "pagina personale" riservata ad ogni utente. Entro il 31 ottobre, infatti, sarà possibile per ogni assicurato, dopo aver ricevuto on line Username e Password, consultare e gestire le proprie polizze assicurative.

E' il cosiddetto decreto "Home Insurance" che dovrebbe rendere più veloce e fruibile il rapporto del consumatore con la propria compagnia assicurativa, grazie alla possibilità di consultare in maniera semplice e sicura le condizioni del contratto stipulato.

Ma quali sono i dati che l'assicurato potrà controllare dalla propria area riservata?

Potrà verificare le coperture attive con le relative garanzie e scadenze, le condizioni contrattuali, monitorare lo stato dei pagamenti e delle future scadenze, nonché l'avanzamento di un eventuale sinistro non ancora pagato.

Nel caso di polizze RC auto l'assicurato potrà scaricare l'attestazione dello stato di rischio (la "pagella" con la classe di merito) che alla scadenza annuale gli consentirà di cambiare compagnia senza richiedere ulteriore documentazione a quella attuale.

Per le polizze vita, incluse le polizze unit e index linked sarà indicato anche il valore di riscatto e sempre per le sole polizze vita unit linked e index linked, anche il valore corrente della polizza.

L' Home Insurance è riservato alla sola clientela privata, escludendo quindi le aziende, e non saranno inserite nell' elenco neanche le polizze grandi rischi, quelle agricole e quelle limitate ad un arco temporale ristretto (per esempio le polizze viaggi). Per adesso è ancora facoltativa per le compagnie l'opzione di riservare l'accesso al pagamento delle polizze direttamente dal sito.

Entro il 31 ottobre saranno consultabili dalla singola area riservata solo le condizioni delle polizze stipulate dopo il 1° settembre 2013 ed entro il 30 giugno 2014 le compagnie dovranno mettere a disposizione i dati dei contratti stipulati in precedenza, pena le sanzioni economiche già stabilite dall' IVASS.

Si tratta di una novità epocale soprattutto per le compagnie tradizionali che demandano da sempre il rapporto con l'assicurato ai propri agenti; la maggior parte si sono adeguate per tempo e già oggi sui loro siti è possibile registrarsi e provvedere alla visualizzazione delle proprie polizze.