Assicurazione auto, il decreto del Governo Letta in vigore da oggi: via il contrassegno cartaceo e al contempo sfuma definitivamente l'ipotesi del microchip da applicare sulle vetture, opzione definita dal Ministero dello sviluppo economico come "inutilmente costosa" in questo momento. L'obiettivo del decreto che fa decadere l'obbligo di esporre il contrassegno cartaceo dell'assicurazione auto è quello di ridurre le truffe legate ai contrassegni contraffatti.

Difatti cambia completamente il modo in cui, con il decreto del Governo Letta, i controlli sull'assicurazione auto verranno svolti dalle autorità competenti: come ampiamente anticipato, si passa ai controlli elettronici basati sulla lettura delle targhe, sulla falsariga di quanto già avviene per il controllo sulla velocità, o anche per il controllo sull'accesso alle zone a traffico limitato.

Il nuovo sistema di controllo dell'assicurazione auto ha un funzionamento relativamente semplice: la fotografia della targa viene trasferita in un archivio integrato della Motorizzazione civile dove viene sottoposta a controlli incrociati sulle varie banche dati disponibili. Se alla targa in questione corrispondono delle irregolarità, viene automaticamente avviata la procedura che conduce alla multa.

La principale innovazione del decreto del Governo Letta sull'assicurazione auto consiste quindi nella possibilità di controlli di massa, più rapidi e accurati. Il processo di "dematerializzazione" del contrassegno inizia oggi e continuerà a lungo: non esisterà più, in via definitiva, da aprile 2015.