Fino al 1994, i prezzi per l'assicurazione rc auto obbligatoria erano amministrati ma poi con la liberalizzazione è iniziata una stangata imbarazzante ed a non finire che ha messo in ginocchio tutti gli italiani, nessuno escluso. A segnalare questa situazione che si sta aggravando anno dopo anno da quasi 20 anni, è stato il Presidente di Adusbef, Elio Lannutti, mostrando e confrontando nella puntata di Striscia la Notizia del 26 Maggio 2013 alcuni dati relativi all'incremento dei prezzi dal 1994 fino al 2012.

Nel 1994 per assicurare un'auto di media cilindrata bisognava pagare un prezzo di 700.000 Lire (391.00 Euro). Nel 2006, la situazione era già in fase di netto peggioramento, infatti per assicurare la stessa tipologia d'auto sempre di media cilindrata, veniva a costare 868.00 Euro, 477.00 Euro in più rispetto al '94 (+122%).

Nel 2008, la situazione ha continuato a peggiorare e l'assicurazione per lo stesso modello di automobile di media cilindrata, aveva un prezzo di 948.00 Euro, 557.00 Euro in più sul '94 (+142%). Nel 2012, molti italiani non potevano più permettersi un'automobile per via del costo assicurativo troppo elevato, infatti il costo medio di una polizza rc auto per un'auto di media cilindrata si aggirava intorno ai 1350.00 Euro, ben 959.00 Euro in più rispetto sempre al 1994 (+245%).

Per le moto, infine, l'aumento dal '94 fino al 2012 è stato più di 450.00 Euro (+480%), per non parlare delle multe che vengono date ogni giorno. Questa è la principale causa delle oltre 4.000.000 polizze false in circolazione e il Presidente di Adusbef cerca di richiamare in qualche modo l'attenzione dello Stato attraverso anche i media televisivi: "Gli italiani non riescono più a pagare l'oneroso costo della polizza assicurativa obbligatoria ed il Governo ora dovrebbe occuparsi proprio di questo e intervenire".