Le leggi in materia di assicurazione auto cambiano alla velocità della luce e, un po' per pigrizia e un po' per disinformazione, l'automobilista finisce per non fare caso alle innumerevoli occasioni che gli si presentano per risparmiare.

Per esempio, cercare online un'alternativa economica alla nostra assicurazione, è un buon modo d'iniziare. Il periodo giusto per iniziare tale ricerca è all'incirca un mese prima della scadenza annuale della nostra assicurazione. Quando la compagnia invia l'attestato di rischio aggiornato e il preventivo di rinnovo, non ci resta altro che consultare alcuni siti messi a disposizione dal ministero e il gioco è fatto.

Basta compilare un modulo, il cosidetto preventivatore, che consiste in un profilo personale da compilare, per ricevere poi via e-mail, il confronto tra le tariffe di tutte le maggiori imprese assicurative. Lo sapevate che indicare con precisione il numero di chilometri che si percorrono in un anno, può fare abbassare il premio dell'assicurazione? Avete capito bene, meno guidi meno spendi, per questo non dimenticate di specificare tale opzione al momento della compilazione del preventivatore.

Un altro particolare a cui bisogna fare molta attenzione è la scelta dei ''rischi'' da coprire. Oltre alla Rc, secondo alcuni esperti, sarebbe bene scegliere le garanzie: ''infortuni del conducente'' a tutela di chi guida e ha torto, soggetto di solito non protetto dalla Rc,seguita poi da ''furto e incendio'', vista come garanzia ovviabile, a meno che non ci si trovi in una situazione economica talmente catastrofica, che non ci permetta di rimpiazzare mai più l'auto rubata o incendiata.

Per quanto riguarda i neo patentati, che vogliono intestarsi la loro prima assicurazione, il consiglio è quello di avvalersi della legge Bersani. Tale normativa permetterebbe al giovane di usufruire della classe di appartenenza di uno dei genitori, una sorta di garanzia quindi, che comporta un notevole risparmio.