Il consorzio oggi assicura migliaia di persone giuridiche soprattutto nel settore non profit agendo da intermediario con la partnership tecnica di Assimoco (assicurazioni movimento cooperativo). La prima polizza Rc auto etica è frutto del coinvolgimento dei Gas (gruppi di acquisto solidale) e dei Des (distretti dell'economia solidale).

Secondo Adusbef, in Italia operano circa 250 società di cui le prime 10 raccolgono la metà totale dei premi e le prime 40 detengono l'80 per cento del mercato. Caes, in un contesto del genere, vuole dare una svolta al comparto assicurativo nazionale. Il meccanismo utilizzato dal consorzio della contrattazione collettiva permette premi convenienti ai soci/clienti, un modus operandi che vuole scardinare un mercato nazionale che non risponde più ai bisogni del singolo e della comunità.

La polizza Rc auto di Caes ha un premio trasparente: il 13.5 per cento va allo Stato sotto forma di imposte, l'8 per cento al consorzio per sostenere i costi di struttura e il resto ad Assimoco che non investe il denaro in attività speculative, ma in titoli di Stato. Alla base delle polizze di Caes c'è il principio della mutualità, ossia l'assicurazione è un contratto per cui la collettività si assume parte dell'onere di coprire un sinistro. Caes vuole superare, nelle polizze auto, il principio per cui in certe zone la stessa deve costare 4/5 volte la media nazionale.

Eticar garantisce uno sconto del 25 per cento sulla Rc auto, un 50 per cento in meno sulla copertura furto/incendio e un 15 in meno sulla casco e sugli infortuni. Ci riesce perché Caes non prende provvigioni sulle polizze se non un 3 per cento sul portafoglio al netto delle imposte. Il consorzio vuole accrescere la base e divenire un vero e proprio assicuratore politico. Basta rivolgersi ai gas e ai des che hanno stipulato la convenzione, registrarsi e fare un preventivo.

Il prezzo medio in euro della Rc auto in Italia è intorno ai 410 euro e circa l'8 per cento è la percentuale annua di assicurati coinvolti in un sinistro. Caes è nata nel 1995, vanta 300 mila soci e sta risalendo le classifiche tra le società assicurative. Il consumatore è allertato, una nuova Rc auto lo attende, più equa, più conveniente, una vera e propria copertura finalmente.