L'articolo 170-bis del decreto sviluppo prevede infatti che l'assicurazione auto spiri in automatico nel suo giorno di scadenza, senza più bisogno di mandare entro 15 giorni prima di quella data una lettera di disdetta alla propria compagnia di assicurazione. Per rinnovare, occorrerà dunque dare un consenso esplicito alla propria assicurazione.

Anche se si è firmato un contratto di assicurazione in cui figurano clausole di rinnovo tacito della polizza RC, se il contratto attuale scade in un qualsiasi giorno dell'anno prossimo quelle clausole non valgono nulla e chi le ha firmate è libero dagli impegni che aveva così sottoscritto.

Ma attenzione: anzitutto la misura vale soltanto a partire dall'1 gennaio, dunque se l'assicurazione RC auto (o natanti) scade entro il 31 dicembre il rinnovo tacito dell'assicurazione RC dell'auto nei 15 giorni successivi vale ancora.

In secondo luogo, e soprattutto, una volta che il rinnovo tacito dell'assicurazione RC auto sarà abolito, dall'1 gennaio prossimo, chi non abbia provveduto a rinnovare l'assicurazione o a stipulare una polizza RC con altra compagnia per il periodo che inizia a partire dal giorno immediatamente successivo alla scadenza dell'assicurazione RC auto precedente può essere punito col sequestro della propria auto.