I conti non tornano e la crisi economica è sempre più insistente, in più si aggiunge l'eccessiva ed esagerata pressione fiscale con un susseguirsi di spese di gestione molto spesso troppo dispendiose.

Ma il popolo italiano non molla e sembra aver trovato il modo di cercare di risparmiare sulla assicurazione RC Auto e sul bollo con un metodo davvero curioso.

Un noto giornale bulgaro, "24 chasa", ha infatti condotto una ricerca sulle immatricolazioni auto che i cittadini dell'Unione Europea avrebbero effettuato in Bulgaria per risparmiare sull'assicurazione, ma anche sul bollo della propria autovettura. Chi non preferirebbe spendere solamente 120 euro all'anno per la propria RC auto in confronto a tariffe che superano molto spesso i 900 euro annuali?

La legge italiana impone a chi possiede un'auto non immatricolata in Italia, di registrarla entro un anno presso la Motorizzazione Civile, il quotidiano di "Sofia" precisa però che questa legge è aggirabile grazie ad un prestanome bulgaro che, per un pagamento ridotto, rimarrebbe il proprietario dell'auto utilizzata in Italia.

Uno stratagemma che porta un notevole risparmio, non solo sul contratto di assicurazione per il proprio veicolo, ma permetterebbe anche di evitare il pagamento di multe dovute per le più comuni infrazioni perché, come riporta sempre "24 chasa", le notifiche inviate alle autorità bulgare si perderebbero negli uffici postali.