Che fine ha fatto l'offerta di polizze auto con installazione delle scatola nera per ridurre i costi dell'assicurazione? A intervenire sul delicato punto ci ha pensato il commissario straordinario dell'Isvap Giancarlo Giannini durante il suo intervento in Senato alla commissione Industria.

Giannini ha dichiarato: "l'art. 32, comma 1, del decreto liberalizzazioni prevede che, nel caso in cui l'assicurato acconsenta all'installazione sul proprio veicolo della scatola nera o di dispositivi similari, le imprese devono applicare una riduzione significativa di premio e che i relativi costi sono a carico delle imprese. La disposizione mira a garantire agli assicurati significativi sconti sul premio e al sistema nel suo complesso effetti positivi in termini di riduzione dei costi dei risarcimenti, grazie al controllo rigoroso e "scientifico" della dinamica dei sinistri che la scatola nera è in grado di realizzare".

La disposizione, quindi, comporta l'obbligatorietà per le imprese di offrire polizze con scatola nera, accanto a polizze "base". Ma quando entrerà in vigore tale obbligo? Giannini risponde alla questione che, sicuramente si stanno ponendo molti italiani, affermando che il meccanismo sarà pienamente funzionante "dopo l'emanazione del regolamento attuativo che l'Isvap sta predisponendo insieme al Ministero dello Sviluppo Economico e all'Autorità Garante della Privacy".