Soprattutto in tempo di vacanze estive, periodo in cui si viaggia molto su quattro ruote, fioccano le multe provenienti da sistemi di rilevazione e calcolo della velocità come tutor e autovelox. Ovviamente, il modo migliore per evitare le multe è quello di rispettare i limiti di velocità. Andiamo, però, a vedere quali sono i metodi più usati dagli italiani per evitare di pagare le sanzioni.

I navigatori satellitari

Innanzitutto ricordiamo che la maggior parte dei navigatori satellitari segnala le postazioni fisse lungo strade e autostrade. Un grande aiuto, quindi, che permette al guidatore di non farsi pizzicare nelle tratte a rischio. Attenzione, comunque, alle postazioni mobili, che invece non vengono rilevate.

Le app per cellulari

Un altro metodo efficace per tenere sotto controllo autovelox e tutor è affidarsi all'applicazione per iPhone, iCoyote , che informa il conducente della presenza di autovelox fissi e mobili. L'app è molto dettagliata e precisa soprattutto perché si lega a una community di utenti che segnalano in tempo reale livelli di traffico, incidenti stradali e, zone a rischio multa e ritiro patente. Chi possiede, invece, uno smartphone con sistema operativo Android può scaricare l'analoga applicazione Autovelox Italia - CamSam.

Gli strumenti elettronici

Infine, segnaliamo alcuni strumenti elettronici, reperibili soprattutto on line e sul mercato statunitense, installabili sul cruscotto, pensati per evitare di essere rilevati dagli autovelox. Si tratta di apparecchi che segnalano la presenza di postazioni autovelox o di pistole laser con qualche centinaio di metri di preavviso. In commercio ci sono circa 20-25 modelli differenti, anche per quanto riguarda il prezzo.