Il mercato delle automobili è in forte crisi, lo dimostrano anche gli ultimissimi dati che vedono Fiat perdere il 14,3% nel mese di maggio. Una delle motivazioni per cui, soprattutto in Italia, si vendono poche vetture è da ritrovare, senza ombra di dubbio, nell'alto costo del carburante (ormai la benzina verde viaggia sui 2 euro al litro).

Fiat ha siglato un accordo innovativo col gruppo petrolifero Api, titolare del marchio Ip con 4.200 stazioni di servizio in Italia. Ma andiamo a scoprire la struttura della clamorosa offerta, che potrebbe far incrementare le vendite della casa automobilistica italiana.

Innanzitutto l'offerta prevede che tutti coloro che acquisteranno una vettura Fiat entro la fine di questo mese di giugno potranno rifornirsi di benzina e diesel al prezzo fisso di 1 euro per tre anni.Per rendere possibile ciò all'acquirente verrà attivata una carta da poter utilizzare nella rete Ip fino al 2015. Bisogna, però, specificare che i clienti non potranno rifornirsi per tre anni illimitatamente di carburante a 1 euro/l: la quantità di benzina e diesel sarà limitata e dipenderà dal modello scelto: 1.700 litri per la Punto, 1.200 per la Panda, 2.000 su Bravo e Doblò, 2.500 per Freemont turbodiesel.

Infine, è doveroso specificare che l'offerta è attiva solo per le vetture a marchio Fiat ma non per quelle degli altri brand del Gruppo (Alfa Romeo, Lancia, Chrysler e altri). I benzinai che hanno aderito alla promozione sono sparsi su tutto il territorio italiano in numero di 3.700 (solo 500 non hanno aderito).