L'ultimo rapporto diffuso da Bankitalia sui costi rappresentati dall'automobile nel 2011 è davvero sconfortante: l'anno scorso le tasse riguardanti le auto hanno subito un incremento pari a 9 miliardi di euro: bollo auto (rincaro del 14,9%) e assicurazione auto (rincaro del 17,5%). Per un automobilista la crescita totale dei costi legata alla vettura è cresciuta del 16,2%.

Nel 2011, secondo i dati Bankitalia, gli italiani hanno sborsato ben 6,4 miliardi di euro solo per il bollo auto, mentre per l'Rc auto sono stati versati 2,3 miliardi di euro. Ovviamente, questi rincari, uniti ai prezzi folli dei carburanti, non possono che mettere ulteriormente in difficoltà un mercato auto, già in forte crisi.

L'automobile, infatti, sta diventando sempre più un bene di lusso anche perché gli aumenti sui carburanti non sembrano placarsi, dal momento che, proprio in questi giorni, il Governo Monti ha deciso di aggiungere una nuova accise sulla benzina: 2 centesimi in più al litro per far fronte ai problemi delle zone interessate dal terremoto in Emilia Romagna.

Infine si tenga conto che, per quanto riguarda l'assicurazione auto, gli aumenti non sono questione inerente solamente il 2011. Basta pensare che, tra il 2006 e il 2010 il costo delle polizze assicurative è cresciuto annualmente del 4,6% ogni anno, sei volte più dei rincari tedeschi e cinque volte tanto rispetto a quelli francesi.