Tutti quelli che possiedono un'automobile non hanno vissuto tempi peggiori per quanto riguarda i costi che quest'ultima comporta. Due oneri superano tutte le altre voci di spesa: l'assicurazione auto e il costo del greggio. Ma andiamo a vedere quali sono i modi per risparmiare più denaro possibile.

Risparmiare sull'Rca 2012

Per quanto riguarda l'assicurazione auto bisogna, per prima cosa, ricordarsi che è in vigore la legge Bersani. Tale norma dà la possibilità ai nuovi contraenti di polizza di entrare direttamente con la classe di merito Bonus/Malus più alta di un proprio familiare (è necessario essere nello stato stato di famiglia del parente e avere la stessa residenza). Inoltre, un modo intelligente per non accendere polizze molto costose è confrontare le offerte migliori proposte sul web: con l'assicurazione auto on line si possono risparmiare anche fino a 500 euro. In particolare, chiedendo un preventivo su internet, bisogna sempre valutare se limitare l'uso della vettura ad altri conducenti. Scegliendo, infatti, di essere il guidatore esclusivo della vettura, non abilitando soprattutto i giovani sotto i 26 anni, si può risparmiare notevolmente.

Infine, consigliamo di consultare sempre anche le varie opzioni che le compagnie offrono ai contraenti: assicurazione a chilometraggio (la vettura viene assicurata per un tot di chilometri), a seconda dell'uso (la vettura viene assicurata solo per uno specifico uso), stagionali (è possibile contrarre la polizza solo per una stagione) e tante altre.

Risparmiare sul carburante

Sul versante "costo del greggio" la situazione è ancora più drammatica. La verde si è in questi gorni attestata intorno agli 1,90 euro al litro e il gasolio a 1,80. Prezzi da capogiro se si calcola che per settimana prossima sono previsti ulteriori aumenti. Secondo l'associazione dei benzinai Figisc-Confcommercio, infatti, sarà molto probabile un nuovo rincaro di 1 centesimo al litro per la benzina. Vediamo le tecniche di difesa che può adottare un consumatore

Per prima cosa bisogna ricordarsi sempre di confrontare i listini esposti dalle diverse stazioni di servizio, anche se nel nostro Paese si è verificata una situazione di oligopolio delle compagnie (le famose "Sette Sorelle") che vede un sostanziale appaiamento dei prezzi. Un modo per ovviare a tutto ciò è recarsi negli ipermercati e centri commerciali dove si possono trovare distributori non legati a chi 2detta legge" e cerca di uniformare il sistema non liberalizzandolo.

Il secondo passo per ridurre i costi legati all'auto è usare sempre il self service alle pompe di benzina. Generalmente il costo del greggio vanta dieci centesimi in meno al litro rispetto al "servito". In questo modo su un pieno si possono risparmiare anche 4/5 euro. Per usufruire di questa possibilità, però, necessitano adeguamenti degli impianit distributivi in Italia, si pensi che in Francia e in Germania, ad esempio, più del 90% della distribuzione è automatica. Nel nostro Paese la percentuale è ribaltata.