Chi possiede un'auto storica ha spesso problemi nel capire quale siano le modalità più convenienti per stipulare un'assicurazione. In realtà, segnaliamo che esistono delle particolari polizze che offrono ai proprietari delle auto d'epoca, la possibilità di ottenere un buon risparmio rispetto a quelle tradizionali. Se, ad esempio, l'automobile d'epoca è iscritta all'ASI (Automobilclub Storico Italiano), si possono spesso richiedere tariffe agevolate presso le maggiori compagnie assicurative: si tratta di tariffe create ad hoc per le auto storiche. Ma vediamo quali sono i passi principali per risparmiare.

Innanzitutto, se l'automobile non è iscritta all'ASI o a un club per veicoli storici, bisogna provvedere all'iscrizione. Le altre organizzazioni che sono considerate dalle compagnie devono tutte essere socie o collegate all'ASI stessa. I costi di iscrizione si aggirano intorno a una media di 40 euro. Si sottolinea che un automobile, per essere considerata storica e di conseguenza essere iscritta a un club, deve avere almeno 20 anni. Ora il prossimo step è trovare un'assicurazione per auto storiche.

Sono diverse le compagnie assicurative che, in Italia, offrono prodotti per assicurare qualsiasi veicolo storico. In particolare, segnaliamo che anche per le assicurazioni auto storiche è possibile consultare le offerte on line e riuscire a "strappare" delle buone tariffe. Sul web sono presenti in questo senso Quixa, Genertel e Linear.

Scegliendo la migliore assicurazione auto per i veicoli d'epoca, bisogna essere puntigliosi e verificare che venga sempre fornita assistenza stradale e tutte le coperture extra del caso. Infine, si ricorda che, soventemente, per stipulare le assicurazioni auto storiche le compagnie pretendono che i mezzi d'epoca non sia guidati ogni giorno, ma che vengano usate solamente in alcune occasioni come manifestazioni o viaggi. Massima attenzione, quindi, su quest'ultimo punto che non è un mero dettaglio.