Il tema delle assicurazioni auto è sempre più bollente: a ravvivare le polemiche, nei giorni scorsi, è arrivata la denuncia del presidente dell'Antitrust Antonio Catricalà , che ancora una volta ha accusato le compagnie di riversare "sui consumatori le maggiori spese derivanti dall'inefficienza".

Gli ultimi dati snocciolati dall'Authority nel suo documento di sintesi parlano di aumenti medi tra il 2009 e il 2010 del 15% sulle polizze, con punte del 22% per i motorini e di oltre il 30% per le moto. "L'amara sintesi - ha detto Catricalà - è che il meccanismo dell'indennizzo diretto non ha funzionato e che occorre intervenire con una riforma di sistema che rilanci la competizione tra le imprese".

Le cause di questo malfunzionamento verranno approfondite dall'Antitrust. Sta di fatto che, sebbene il sistema di indennizzo diretto avrebbe dovuto semplificare le procedure di rimborso e di conseguenza limitare i contenziosi (e i costi correlati), in realtà i prezzi delle assicurazioni continuano a lievitare e la compagnie assicurative continuano a negare le proprie responsabilità. La colpa, secondo i professionisti del settore, risiede nei costi eccessivi degli indennizzi.

Per l'Antitrust, è ormai imprescindibile "innescare una maggior spinta competitiva in un settore che mostra ancora rilevanti limiti allo sviluppo di una piena ed effettiva concorrenza".

Per difendersi dal caro-polizza, ai consumatori non resta che cercare le offerte più convenienti sul mercato: attraverso Supermoney è possibile confrontare i preventivi di numerose compagnie e scegliere l'assicurazione auto che garantisca i maggiori vantaggi al prezzo più basso. In più acquistando la polizza sul portale non solo si risparmia ma si può anche guadagnare: grazie alla promozione attiva fino al 31 luglio, chi compra l'rc auto online e presenta un amico avrà 50 € di buoni benzina in regalo.

'La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo la citazione della fonte e l'attivazione di un link di riferimento'.