Qualche giorno fa a Taranto si è verificato un episodio che richiama l'attenzione di tutti i cittadini automobilisti, al fine di metterli sempre più in guardia dagli assicuratori di auto.
Il fatto è in breve questo: un consumatore ha comunicato alla compagnia assicurativa la sostituzione della propria auto assicurata con un'altra (cambio modello e targa) e gli è stato automaticamente aumentato l'importo della polizza, nonostante la scadenza di questa fosse prevista per la fine di settembre 2010. L'agente assicurativo ha praticamente modificato e interrotto i termini definiti dal contratto stipulato l'anno prima, solo per un cambio veicolo tra l'altro di cilindrata inferiore.Questo naturalmente è stato un gesto furbo ed illegale, ed è per questo che l'Adoc regionale (l'associazione nazionale per la difesa e l'orientamento dei consumatori) ha provveduto a denunciare il misfatto all'Isvap (l'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni private), il quale ha accusato le compagnie assicurative di tenere troppo alti i premi dell'Rc Auto.

L'episodio stupisce la regione Puglia, sopratutto se si considera che, poche settimane prima, alcuni agenti di assicurazione hanno presentato a Bari, una campagna di sensibilizzazione denominata "stupidi furbetti" per ricordare i vari metodi con cui si cerca di truffare le compagnie. Evidentemente erano solo parole e niente fatti, visto che i primi furbetti si sono dimostrati proprio loro.

Per evitare di incombere in situazioni simili si consiglia a tutti i cittadini di effettuare un confronto completo tra tutte le compagnie assicurative, prima di imbattersi nella scelta di quella giusta.Sul sito Supermoney è possibile confrontare l'offerta di diverse compagnia e cercare l'Rc auto che più rispecchia le proprie esigenze.

La riproduzione di questo contenuto è autorizzata esclusivamente includendo il riferimento alla fonte e l'attivazione di un link di riferimento.